Coppia gay aggredita con benzina

11

Bologna, 13 set. (AdnKronos) – ”Un’imboscata in piena notte sul pianerottolo di casa, con taniche di benzina e svastiche e scritte omofobe sui muri esterni del palazzo (‘Culatoni bruciate’, ‘vi metteremo tutti nelle camere a gas’): è quanto è successo la scorsa notte a Stallavena, nella provincia veronese, a una coppia di coniugi omosessuali. Verso le due di notte uno dei due, svegliato da rumori provenienti dal pianerottolo, ha aperto la porta di casa ed è stato colpito da un getto di benzina, senza riuscire a identificare l’aggressore”. E’ quanto racconta Arcigay in una nota.

”L’uomo è stato immediatamente soccorso dal marito, che ha trovato sul pianerottolo altre taniche di benzina e bombolette di vernice nera -prosegue la nota- La coppia era stata già vittima, lo scorso agosto, di un’altra aggressione in piazza Bra, a seguito della quale diverse associazioni avevano dato vita a una manifestazione antifascista. Successivamente, nella loro buca delle lettere avevano rinvenuto messaggi omofobi di evidente stampo neofascista”.

”Un’aggressione terribile, senza precedenti -commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale Arcigay- Stiamo assistendo a un crescendo gravissimo di violenza, in cui l’odio omotransfobico assume forme drammatiche e assolutamente allarmanti. I fascisti sono ormai fuori controllo, legittimati da una politica che usa i loro stessi argomenti e che li rende forti. In una Repubblica che si fonda su una Costituzione antifascista tutto questo è inaccettabile ed è più che sufficiente per motivare un intervento fermo e urgente del Governo. Non solo: chiediamo a tutta la comunità antifascista di questo Paese di mobilitarsi. Nelle prossime ore annunceremo la nostra reazione. Intanto trasmettiamo tutta la nostra vicinanza alla coppia colpita”, conclude.