Corea Nord: ‘violate 5 risoluzioni Onu’

34

(ANSA) – ROMA, 7 FEB – Il lancio del missile balistico nord coreano “è una violazione diretta di cinque risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”: lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Soltenberg esprimendo la sua “dura condanna”. “Condanno fortemente il lancio oggi da parte della Nord Corea di un razzo con la tecnologia dei missili balistici, dopo il test dell’arma nucleare coreana del 6 gennaio”, dice Stoltenberg in una dichiarazione pubblicata sul sito dell’Alleanza Atlantica. “Il lancio è una violazione diretta di cinque risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, che ha ripetutamente chiesto alla Nord Corea di sospendere tutte le attività relative al suo programma di missili balistici, di rispettare i suoi precedenti impegni per una moratoria sul lancio di missili e di non realizzare nessun nuovo test nucleare o lancio sfruttando la tecnologia dei missili balistici”.
    “La Nato continua a chiedere alle autorità nordcoreane di rispettare i propri obblighi in base alla legge internazionale

(ANSA) – ROMA, 7 FEB – Il lancio del missile balistico nord coreano “è una violazione diretta di cinque risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”: lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Soltenberg esprimendo la sua “dura condanna”. “Condanno fortemente il lancio oggi da parte della Nord Corea di un razzo con la tecnologia dei missili balistici, dopo il test dell’arma nucleare coreana del 6 gennaio”, dice Stoltenberg in una dichiarazione pubblicata sul sito dell’Alleanza Atlantica. “Il lancio è una violazione diretta di cinque risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, che ha ripetutamente chiesto alla Nord Corea di sospendere tutte le attività relative al suo programma di missili balistici, di rispettare i suoi precedenti impegni per una moratoria sul lancio di missili e di non realizzare nessun nuovo test nucleare o lancio sfruttando la tecnologia dei missili balistici”.
    “La Nato continua a chiedere alle autorità nordcoreane di rispettare i propri obblighi in base alla legge internazionale