Coronavirus a Napoli, il sindaco de Magistris istituisce l’unità di crisi

340
In foto Luigi de Magistris

“Stiamo cercando di mettere in campo una serie di azioni che tendono a ridurre il contagio. Abbiamo istituito un tavolo di monitoraggio, a cui partecipano i dirigenti competenti e i responsabili, a vari livelli, della salute della nostra città. Abbiamo adottato una prima misura, e cioè un programma straordinario di igienizzazione di tutte le scuole”. A dirlo, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervistato da radio Crc sull’emergenza coronavirus. “Stamattina sarà emessa una direttiva per attuare alcuni provvedimenti: tutti gli uffici, pubblici e privati, devono seguire programmi straordinari di igiene”. Quindi ha aggiunto: “Non c’è nessun motivo di entrare in panico, il coronavirus è solo una forma particolarmente contagiosa di influenza”.

Via all’igienizzazione di tutti i luoghi di assembramento
o
Quindi ha aggiunto: “Abbiamo deciso di fare una procedura straordinaria di igienizzazione in tutte le scuole e annuncio pubblicamente che tra qualche ora firmerò un’ordinanza in cui disporremo l’obbligo di avviare una programmazione di igienizzazione in tutti i luoghi di assembramento, Mi riferisco a metropolitane, tutti i mezzi di trasporto, gli uffici… Dovranno farlo tutti, anche i privati”. “Dovrà essere anche esposto – ha aggiunto – il decalogo del ministero della Salute”.

Le manifestazioni pubbliche non saranno annullate

Quanto alle manifestazioni pubbliche “non saranno annullate, non ci sono ragioni. Salvo diverse indicazioni del governo nazionale, l’unico ente che può fare restrizioni rigorose. Siamo al lavoro perché lunedì a Napoli riaprano le scuole di ogni ordine e grado”.