Coronavirus, Asl Napoli 2: donazioni per oltre 400 mila euro in 40 giorni

68

Oltre 400mila euro raccolti in 40 giorni. È il bilancio delle donazioni effettuate dal 19 marzo al 30 aprile in favore della Asl Napoli 2 Nord per l’emergenza Covid-19: in 160 hanno effettuato donazioni all’Asl sia mediante versamenti sul conto corrente dell’Azienda, sia attraverso piattaforme di raccolta fondi, sia consegnando materiali e tecnologie agli ospedali e alle strutture aziendali. Sul conto corrente dell’Azienda sono stati effettuati versamenti da 105 soggetti per un valore di 88mila euro, l’importo minimo è stato di 10 euro, mentre un’azienda ha effettuato una donazione di 20mila euro.Inoltre, due diverse raccolte fondi mediante la piattaforma di fundraising ‘Gofundme.com’ hanno garantito una donazione di 10mila euro per l’ospedale di Pozzuoli e una seconda di 13mila euro per l’intera Asl. Nei giorni scorsi, inoltre, un’azienda ha consegnato all’Asl 5 ventilatori polmonari per un valore di 50mila euro ed una fornitura di mascherine. Direttamente dalla Cina, invece, all’inizio di aprile è arrivato un carico di mascherine del tipo Ffp2 del valore di circa 90mila euro.Molto rilevanti sono state le donazioni effettuate in materiali, servizi e denaro da parte di singoli, associazioni o aziende. Al Rizzoli di Ischia la Federalberghi delle isole flegree ha consegnato una macchina per effettuare i test sierologici, un’associazione benefica ha messo a disposizione un’ambulanza per accompagnare l’equipe medica che cura a domicilio i pazienti Covid, una fondazione ha donato un ecografo portatile e un insieme di cittadini ha garantito una fornitura extra di mascherine, tute e visori ai sanitari del Rizzoli. Un albergatore, inoltre, ha messo a disposizione una propria struttura per ospitare i pazienti che, pur non avendo più necessità di cure mediche ospedaliere, non possono essere dimessi perché ancora positivi al virus.A Giugliano, invece, un’azienda ha donato due sanificatori d’aria all’ospedale, così da ridurre la carica batterica e virale di alcuni ambienti. Diverse aziende, poi, hanno assicurato gratuitamente dei servizi alla struttura ospedaliera. A Frattamaggiore, diversi studi odontoiatrici e medici hanno consegnato mascherine e materiale di protezione all’ospedale San Giovanni di Dio. Il Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, infine, è stato oggetto di diverse donazioni di materiali di protezione da parte di privati cittadini e imprese. L’ospedale di Pozzuoli, inoltre, è stata la struttura che più di tutte è stata oggetto di donazioni sul conto corrente istituito dall’Asl: 18.639 euro.