Coronavirus, bando europeo per i ricercatori: budget di 10 milioni di euro

642

In risposta allo scoppio del coronavirus, la Commissione ha lanciato una richiesta di manifestazioni di interesse nell’ambito di Horizon 2020 per progetti di ricerca finalizzati a migliorare la comprensione dell’epidemia di coronavirus, a contribuire a una gestione clinica più efficiente dei pazienti infetti e a migliorare la preparazione e la risposta alle emergenze di sanità pubblica.
E’ infatti fondamentale acquisire rapidamente una migliore comprensione del nuovo virus identificato, in particolare in relazione a potenziali misure cliniche e di salute pubblica che possono essere utilizzate immediatamente per migliorare la salute dei pazienti e/o contenere la diffusione di 2019-nCoV.
Il nuovo topic ha un budget complessivo di 10 milioni di euro e finanzierà proposte da circa 2-3 milioni di euro.
Il finanziamento dovrebbe sostenere dai 2 ai 4 progetti di ricerca e i candidati hanno tempo fino al 12 febbraio per rispondere all’invito, dopodiché le convenzioni di sovvenzione dovrebbero essere firmate in tempi rapidi per poter iniziare la ricerca il più presto possibile. La Commissione intanto collabora con l’Organizzazione mondiale della sanità e gli altri soggetti internazionali per garantire una risposta efficace e coordinata alla diffusione del coronavirus.
Considerando che si tratta di un nuovo virus identificato da poco, lo scopo del topic è volutamente generico e i progetti potranno includere:
Laddove pertinente, le proposte dovrebbero prendere in considerazione la stretta collaborazione con i principali centri di supercalcolo europei per utilizzare risorse di elaborazione, dati e simulazione di fascia alta al fine di accelerare i processi di diagnosi e ricerca e sviluppo di vaccini. A questo proposito, le strutture di Supercomputing di Barcellona e di Bologna (Cineca) sono aperte a collaborare con qualsiasi proposta di successo. La scadenza per presentare le proposte è fissata al giorno mercoledì 12 febbraio.