Coronavirus, due turiste cinesi ricoverate al Cotugno. Altri due casi sospetti a Sarno

1968

Coronavirus, due turiste cinesi, una delle quali presentava sintomi sospetti (febbre e tosse) sono ricoverate da stanotte all’ospedale Cotugno. Si trovavano da dieci giorni a Napoli, ospiti in un albergo del centro. Entrambe provengono da zone a rischio coronavirus. Altri due cinesi si sono presentati al presidio ospedaliero ‘Martiri di Villa Malta’ di Sarno, nel Salernitano, con sintomi influenzali e indossando le mascherine antivirus. A scopo precauzionale, l’Asl di Salerno, nel cui ambito di competenza rientra l’ospedale sarnese, ha attivato il protocollo ministeriale previsto per eventuali casi sospetti di Coronavirus, mettendo in isolamento l’uomo e la donna. Nel nosocomio, ai due pazienti sono stati effettuati i primi esami e le radiografie. I medici sono inclini a ritenere che non si tratti del coronavirus, anche se solo i test eseguiti a Napoli con i kit appositi potranno escluderlo in maniera definitiva. L’uomo, inoltre, non è stato in Cina di recente, mentre la sua compagna è tornata da dieci giorni da una città che dista circa 400 km da Wuhan, epicentro del contagio. Per questo la donna è stata trasferita all’ospedale Cotugno di Napoli, nosocomio specializzato in malattie infettive e struttura di riferimento regionale per i casi sospetti di Coronavirus, secondo i protocolli previsti