Coronavirus, gioiellieria: le misure da intraprendere

2186

Cari amici,

dagli Usa arrivano i primi segnali da parte degli addetti ai lavori, miei colleghi, fabbricanti e distributori di gioielleria e per le misure da intraprendere per poter far fronte alla problematica Coronavirus.
New York. La diffusione del coronavirus ha costretto la chiusura di aziende in tutto il mondo mentre i governi e le comunità lavorano per contenere il numero di casi.
Per l’industria della gioielleria ciò ha portato al rinvio o alla cancellazione di un numero crescente di eventi e fiere annuali, nonché alla sospensine da parte di rivenditori, produttori e fornitori delle attività fino a nuovo avviso.
Ha anche un notevole significato un riattrezzamento dei calendari per le case d’aste di gioielleria , la maggior parte dei quali aveva in programma grandi vendite per la primavera.
Le aziende del settore prossimamente apporteranno modifiche per i dipendenti includendo una riduzione delle ore di lavoro, dei cicli di lavoro e una riduzione dei compensi, questo è quanto dichiarato da vari Ceo nelle dichiarazione delle società.
Le modifiche si applicheranno anche ai dirigenti e ai consigli di amministrazione.
Quando la società riapriranno i battenti, tutto dipenderà dalle linee guida stabilite dai funzionari governativi e sanitari.
I grandi marchi stanno già sperimentando i gravi danni causato dall’impatto di Covid-19 sull’economia globale prevedendo una “continua riduzione della spesa dei consumatori”.
Saranno ridotte le spese operative e le spese in conto capitale, ovvero i fondi destinati a proprietà fisiche, attrezzature e tecnologia.
La Jewelers of America sta organizzando una serie di webinar questa settimana relativi agli affari sulla scia del coronavirus.
La serie educativa dell’organizzazione della gioielleria è disponibile sia per i membri di JA che per i non membri e richiede la registrazione online.
“Jewelers of America si impegna a fornire le ultime informazioni ai suoi associati “, ha dichiarato David J. Bonaparate, presidente e Ceo di JA.
“Le nuove aggiunte alle nostre serie di webinar saranno fondamentali per i gioiellieri della vendita al dettaglio che affrontano le sfide presentate dal coronavirus e il suo impatto globale”.
24 marzo alle 12 EST il Ceo del comitato di vigilanza dei gioiellieri e consigliere generale Tiffany Stevens, analizzerà le varie questioni legali relative alle imprese di gioielleria nell’era del coronavirus.
Chiamato “Coronavirus Outbreak: un framework per affrontare le questioni legali”, Stevens affronterà un problema legale in materia di occupazione, assicurazione, leasing al dettaglio, aiuti pubblici, truffe, sicurezza informatica e catena di approvvigionamento.
Il Ceo di Smart Age Solutions Emmanuel Raheb affronterà i clienti coinvolgenti durante i periodi tumultuosi il 24 marzo alle 14:00. EST nel suo webinar, “Coronavirus Outbreak: 10 modi pratici per far crescere il tuo business durante Covid-19”.
Raheb fornirà 10 suggerimenti attuabili per combattere la paura con l’azione, connettendosi con i consumatori e identificando le opportunità di crescita.
Il 25 marzo alle 15 EST, due avvocati di Nixon Peabody LLP parleranno della gestione di un piano aziendale in caso di emergenza.
David Kaufman, direttore delle strategie globali, e Hillary Baca, diritto del lavoro, approfondiranno la legalità dei licenziamenti, riduzioni delle ore e alcuni dei programmi finanziari federali, statali e locali disponibili per i gioiellieri in “Coronavirus Outbreak: Employment Law and Business Issues”.
E il 26 marzo alle 14 EST, il Ceo di Thinkers di alto livello Andrè Savoie affronterà le attività al tempo del coronavirus attraverso un obiettivo sui social media nel webinar” Scoppio del coronavirus: utilizzare le piattaforme social per legarsi con i clienti durante i tempi difficili”.
Savoie affronterà l’opportunità di connettersi più profondamente con i consumatori attraverso le comunicazioni attraverso i canali di marketing, comprese le piattaforme di social media, per aumentare la fedeltà dei clienti e diffondere positività.