Coronavirus, riapre in Cina la mostra su Paestum

152
in foto la città di Chengdu

Riapre al pubblico la mostra “Paestum – una citta’ del Mediterraneo antico”, inaugurata lo scorso 26 novembre a Chengdu, capoluogo della provincia del Sichuan, e chiusa all’indomani dell’emergenza sanitaria che ha messo in ginocchio la Cina. A comunicare la novita’ e’ stato Wei Quan, direttore del Sichuan Museum, che ha indirizzato una missiva a tutto il Parco Archeologico di Paestum, e in particolare al direttore, Gabriel Zuchtriegel. Dalle parole del direttore cinese – si legge in una nota del Parco Archeologico di Paestum – si colgono sentimenti di solidarieta’ e speranza verso l’Italia che, proprio in questi giorni, sta vivendo momenti drammatici a causa del Covid 19. Un destino comune quello di Italia e Cina che, con la riapertura dei musei cinesi, sembra avviarsi verso un epilogo positivo. Da domani in Cina sara’ nuovamente possibile ammirare i 134 reperti provenienti dai depositi di Paestum: la speranza e’ che anche il Parco Archeologico di Paestum e gli altri istituti culturali possano riaprire al piu’ presto le porte ai visitatori per continuare a comunicare a tutti la storia e la cultura italiana.