Corte dei Conti: Giano Bifronte
Tra illegalità diffusa e azioni virtuose

55

La Campaniaè una realtà complessa e contraddittoria che presenta due facce contrapposte che inducono a ritenere che si sia in presenza non di un soggetto La Campaniaè una realtà complessa e contraddittoria che presenta due facce contrapposte che inducono a ritenere che si sia in presenza non di un soggetto ma di due soggetti distinti di due diverse regioni“. E’ quanto ha scritto il procuratore regionale della Corte dei Conti della Campania, Tommaso Cottone, all’inaugurazione del’anno giudiziario. Per Cottone ad una preoccupante manifestazione “di illegalità diffusa” si contrappone “un’altra faccia che presenta invece e in progressione costante, forme di virtuosità di rilevante interesse; segnale che, nelle varie articolazioni amministrative, sono in atto processi di riqualificazione della spesa pubblica, di lotta agli sprechi, di moralizzazione della politica, della volontà di uscire dalle emergenze“.


Caldoro: Conti in ordine. Siamo la Campania che lavora