Corte dei Conti, spese dei Gruppi consiliari in Regione: danno da 2,5 mln

56
in foto Michael Sciascia, presidente Corte dei Conti della Campania

E’ di circa due milioni e mezzo di euro il danno quantificato dalla Corte dei Conti in relazione alla ”gestione di fondi pubblici da parte dei gruppi consiliari regionali per le più varie spese”. E’ quanto si evidenzia nella relazione che sarà letta venerdì prossimo in occasione della inaugurazione dell’anno giudiziario. ”Casi analoghi – scrive il presidente Michael Sciascia – si sono iniziati a riscontrare anche a livello comunale, in ordine a spese illegittime disposte dai gruppi consiliari di Cava de’Tirreni”. Sciascia sottolinea inoltre che ”permane il fenomeno di appropriazione di finanziamenti e contributi, compresi quelli provenienti dall’Unione Europea, destinati ad iniziative imprenditoriali e sociali sia alla formazione professionale, che invece continuano purtroppo a risultare spesso assorbiti da iniziative fittizie ed ottenuti attraverso falsificazioni documentali in un sistema di scarsi controlli e di corruttela”. ”Di particolare rilievo risulta il caso di Curia Arcivescovile – si legge nella relazione – che ha destinato concretamente il finanziamento di circa 2.500.000 per la realizzazione di struttura alberghiera invece che di tutela dell’infanzia ovvero con fatture ‘gonfiate’ per ottenere circa 4 milioni di euro per contributi nell’ambito del rilancio della pesca. Ancora si presentano casi di indebita percezione di pensioni di invalidità ed in particolare di indennità di accompagnamento”.