Corti, foto e gusto: è tempo di Malazè ai Campi Flegrei

63

Nell’ambito della XI edizione di Malazè tre appuntamenti da non perdere. Si inizia sabato 10 settembre con la IV edizione de “La grande abbuffata”, concorso di cortometraggi, a cura dell’onlus “A corto di donne”. L’associazione persegue un duplice scopo: da una parte mira alla promozione di corti realizzati dal sesso femminile; dall’altra alla creazione di veri e propri momenti di scambio e dialogo tra giovani artiste provenienti da tutto il mondo.Il titolo della gara, omaggio al drammatico film di Marco Ferrei del ’73, fissa la materia intorno alla quale dovranno svilupparsi i corti: cibo ed enologia. La premiazione dei corti vincitori si terrà in una cornice quanto mai adatta: le cantine Tenuta Matilde Zasso, azienda vitinicola con sede a Pozzuoli. La premiazione culminerà con la proiezione del docufilm fuori concorso “Mirabiles. I custodi del mito” dei giornalisti Alessandro Chetta e Marco Perillo e una degustazione di vini doc e prodotti tipici dell’area fregrea.

Countdown per gli amanti della fotografia: tre settimane ancora per poter partecipare al Premio Campi Fregrei, giunto quest’anno alla sua IV edizione. Il concorso mira a far riscoprire e a far diffondere attraverso scatti d’autore la bellezza naturalistica e archeologica dell’area campana.Tema della gara sarà l’acqua, declinata in tutte le sue differenti sfaccettature: acque che sgorgano dal sottosuolo, che riempiono fiumi e laghi, acque termali, sulfuree, minerali e naturali. La premiazione dei vincitori e la mostra fotografica si terranno il 10 settembre a Pozzuoli alla presenza di una giuria composta dal direttore Fiaf Dipartimento Social, Attilio Lauria Bifi e dai presidenti dei circoli Fiaf della Campania, Aldo IannuzziGiovanni SaladinoFrancesco Soranno e Angelo Stanziale.

Infine, l’11 settembre una maratona fotografica organizzata nel centro storico di Pozzuoli dall’associazione culturale Snap, vedrà coinvolti cittadini e turisti alla ricerca dello scatto perfetto su nove temi fotografici che verranno rivelati ai partecipanti all’ultimo momento per stimolare la loro creatività e far rivivere la cittadina campana in modo nuovo.