Cosa è l’NSO e a cosa serve

27

In cosa consiste e cos’è il Nodo di Smistamento Ordini e perché è indispensabile alle imprese operanti nel settore sanitario con aziende pubbliche

NSO: cos’è (H1)

L’NSO, ovvero il Nodo Smistamento Ordini, non è altro che un sistema di trasmissione dei documenti che lavora utilizzando un sistema digitale che è gestito dal Dipartimento della Ragioneria di Stato del Ministero dell’economia e delle finanze.

Questo sistema viene integrato con la Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici e con lo SDI, lo strumento utilizzato per trasmettere la fattura elettronica. L’NSO nasce conseguentemente alle disposizioni della Legge di Bilancio del 2018, con l’obiettivo di garantire il più possibile la trasparenza nelle acquisizioni delle pubbliche amministrazioni.

Già la Legge di Bilancio precedente aveva previsto, a tal proposito, l’obbligo di creazione, trasmissione e conservazione dei documenti riguardanti ordini ed esecuzioni degli acquisti, esclusivamente in formato elettronico; la volontà era quella di tenere particolarmente sotto controllo gli acquisti e le relative spese delle aziende pubbliche del Sistema Sanitario Nazionale. Con il decreto-legge del 7 dicembre 2018 del Ministero dell’economia e delle finanze viene poi stabilita una data ufficiale di entrata in vigore di questo obbligo: il 1° ottobre 2019; data che ha però valenza esclusivamente per le aziende, gli intermediari e i fornitori del Servizio Sanitario Nazionale.

Le linee guida della Ragioneria di Stato, rilasciate nella versione completa il 9 Maggio 2019, espongono i parametri e le specifiche tecniche per l’utilizzo dell’NSO- Nodo di smistamento ordini.

NSO: a cosa serve (H2)

Il Nodo di Smistamento Ordini – NSO, viene quindi usato per lo scambio di documenti digitali, che riguardano gli ordini e le loro esecuzioni, tra le aziende pubbliche del Servizio Sanitario Nazionale e i loro fornitori. La legge chiarisce inoltre che l’NSO debba occuparsi non solo della gestione dello scambio dei suddetti documenti, ma anche del controllo sulla correttezza degli stessi in ogni minimo dettaglio.

L’NSO è uno strumento indispensabile per tutte quelle imprese operanti nel settore sanitario con aziende pubbliche; la legge vieta infatti categoricamente, a partire dalla data sopracitata, di servirsi dei precedenti canali tradizionali di trasmissione dei documenti d’ordine. Con l’entrata in uso del sistema, le fatture relative agli ordini di acquisto non verranno più liquidate se non si rispetta la nuova procedura con il sistema di gestione del Ministero dell’economia e delle finanze; l’obiettivo sarà poi quello di estendere l’obbligo a tutte le altre realtà della Pubblica Amministrazione.

Il Nodo di Smistamento Ordini accetterà soltanto quei documenti, contenenti i dati utili per l’ordine, che seguiranno lo standard internazionale per la creazione di documenti digitali, ovvero che verranno inviati in formato UBL XML. Le linee guida pubblicate dal Ministero dell’economia e delle finanze fanno anche riferimento alla tipologia e alla quantità dei prodotti o dei servizi che possono essere acquistati, e danno ulteriori indicazioni anche sui prezzi e sulle tempistiche; il documento deve inoltre essere abbinato a un file denominato “busta di trasmissione”, che riporta le indicazioni sul mittente e sul destinatario; entrambi i file vengono inclusi in un “messaggio” che verrà così inviato al Nodo di Smistamento Ordini.

In definitiva, i canali comunicativi sono gli stessi che vengono utilizzati per la trasmissione della fattura elettronica; si sta inoltre lavorando per una futura standardizzazione dei processi di procurement a livello europeo attraverso l’utilizzo di access point dedicati.