Cosco dirotta i container a Salerno

27

Salerno Container Terminal (Sct) rileva le commesse che Cosco non può più smistare su Napoli a causa del blocco generato dallo sciopero dei dipendenti di Conateco. Il consorzio cinese del trasporto marittimo affida così i propri container alla società dell’imprenditore Agostino Gallozzi, la principale terminalista operante presso il porto di Salerno. I risultati sono giudicati positivi perché Sct movimenta una media di 450 container al giorno su un arco di tempo di dieci ore. Per il momento Cosco dirotta su Salerno il solo feeder, collegamento espresso con lo scalo greco del Pireo. Sta seguendo la stessa strada Zim, che già opera sia a Salerno che a Napoli e che in questi giorni sta trasferendo tutto il traffico nel secondo porto campano. Le operazioni, però, riguardano per ora soltanto l’import poiché per l’export tutta la merce è bloccata nel capoluogo campano. Si tratta, secondo fonti vicine alle aziende, di circa 11mila 500 tonnellate che non possono uscire dal porto a causa del fermo causato dal personale di Conateco.