Così aiuto gli italoamericani a entrare nello showbiz. Umberto Mucci (We Italians) intervista Taylor Taglianetti

159
in foto Taylor Taglianetti

“Nella comunità italoamericana si trovano molti esempi di meravigliose personalità che hanno dato un grande contributo a qualsiasi campo della società, della cultura, dell’economia americana. Nessuno escluso. Uno di quelli nei quali sono davvero centinaia gli esempi di eccezionalità è il campo dello spettacolo. E’ per questo che è molto importante il lavoro svolto dalla NOIAFT, National Organization of Italian Americans in Film & Television. Sono molto felice di dare il benvenuto su We the Italians alla sua fondatrice, una giovane e bella italoamericana che ringrazio per quanto fa in questo settore: Taylor Taglianetti”. E’ quanto scrive Umberto Mucci, Ceo di We the Italians,introducendo l’intervista con la fondatrice della National Organization of Italian Americans in Film & Television,i cui bisnonni, racconta, “sono di Salerno, in Campania, e di Potenza, in Basilicata”. “La mia famiglia – continua Taylor – vive ancora a Potenza. La prima volta che sono andata in Italia è stato con la National Italian American Foundation (NIAF) attraverso il loro programma Voyage of Discovery. Ero una dei venti studenti selezionati tra migliaia in tutta la nazione per viaggiare in Puglia e partecipare a opportunità educative e di servizio. Siamo stati lì per dieci giorni e abbiamo visitato diverse città. È stato il mio primo assaggio dell’Italia e quel viaggio è stato una delle principali ispirazioni per cui ho deciso di iniziare la mia associazione. Rimasi davvero sopraffatta dalla storia e da tutte le vicende di cui ci parlarono. Anche se ero appassionata della mia cultura, c’era così tanto che non sapevo e volevo condividere questa conoscenza con gli altri. Ho trovato entusiasmante l’idea di sposare la mia passione per le mie radici culturali con la mia passione per il racconto.Un altro motivo principale per cui ho dato vita alla mia associazione è il sostegno che ho ricevuto dalla Columbus Citizens Foundation…”.
“La National Organization of Italian Americans in Film & Television (Noiaft) – spiega la manager italoamericana- è un’associazione di networking che mira a connettere e dare potere agli italoamericani per raggiungere i loro obiettivi artistici, e lo facciamo in diversi modi. Abbiamo appena festeggiato il nostro secondo anniversario, che è molto emozionante, e non posso credere che siano già passati due anni! Ci sforziamo di essere il posto dove andare quando la gente cerca di mettere insieme squadre o progetti. Puoi venire da noi e noi ti raccomandiamo il talento o ti indichiamo la giusta direzione per le risorse a seconda delle tue esigenze. Promuoviamo anche il lavoro dei nostri associati sui social media e nella nostra newsletter, che è riservata ai nostri associati. Inoltre, andiamo ai festival cinematografici e assicuriamo copertura stampa e interviste per promuovere gli italoamericani che hanno già successo nell’industria dell’intrattenimento. Recentemente abbiamo iniziato a lavorare con altre organizzazioni e persone nell’industria per far conoscere il nostro nome e continuare a condividere tutte le grandi storie italoamericane che di solito non si vedono nella storia cinematografica. Con questo voglio dire che è bello mettere in evidenza alcune delle più autentiche storie italoamericane e iniziare finalmente a mettere la nostra comunità sotto una buona luce”.

Qui l’intervista integrale.