Cottarelli, voto o 5S-Lega bis

29

Roma, 29 mag. (AdnKronos) – Carlo Cottarelli è atteso al Colle per un nuovo incontro: Mr. spending review dovrebbe consegnare la lista dei ministri, anche se il percorso è molto accidentato per la mancanza dei numeri necessari in Parlamento.

Il Quirinale infatti smentisce le voci secondo cui il premier incaricato sarebbe pronto a rimettere il mandato nelle mani di Sergio Mattarella. Dal Colle, al termine dell’incontro tra il Presidente della Repubblica e Cottarelli, fanno sapere che l’economista avrebbe semplicemente bisogno di più tempo per approfondire alcuni nodi legati al ‘sudoku’ della squadra di Palazzo Chigi. E’ lo stesso presidente del Consiglio incaricato a sottolinearlo: “Stiamo approfondendo alcune questioni sulla lista dei ministri”.

GLI SCENARI – Tuttavia nei corridoi di Camera e Senato si rafforza la voce secondo cui il ‘governo neutrale’ voluto da Mattarella possa cadere in Aula, impallinato dai voti contrari. E come sempre capita nei momenti di grande incertezza, circolano varie indiscrezioni sui futuri scenari politici.

In prima battuta è prevalsa l’idea di un imminente ritorno alle urne, addirittura a luglio (la prima finestra utile sarebbe il 29), lanciata dal Pd. Gli ultimi rumors raccolti in queste ore, scommettono, come in un grande Gioco dell’oca, che si possa tornare alla casella zero, ovvero all’ipotesi di un governo politico, ancora una volta targato M5S-Lega.

M5S-LEGA BIS – Uno scenario che sembra essere confermato dalle parole di Di Maio a Napoli, che frena sull’impeachment e si dice pronto a “collaborare col Capo dello Stato” per trovare una soluzione alla crisi.

Alcuni boatos parlano di un incontro tra Di Maio e Salvini per ribadire l’intesa e fare muro al tecnico Cottarelli: si tratterebbe dell’ultimo tentativo dell’asse M5S-Lega per uscire dall’impasse attuale e scongiurare un voto anticipato. Anche in questo caso, però, tutto dipenderà dalle scelte del Colle.