Covid, De Luca: Il decreto di Conte? Un passo avanti ma non basterà. Scuola, inevitabile il ricorso alla Dad

474
In foto Vincenzo De Luca

“Sono le misure più restrittive che si potessero adottare, nell’ambito di una scelta ancora intermedia fatta dal governo. Le alternative praticabili oggi sono due: o chiudere tutto per un mese per frenare il contagio; o prendere misure rigorose, ma ancora parziali. Il governo ha optato per il piano B. È un passo avanti ma non basterà”. Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, intervistato dal Corriere della Sera, giudica l’ultimo Dpcm varato dal presidente del Consiglio Conte. Quanto alla scuola, per De Luca “è banale ripetere la litania sull’importanza della didattica in presenza. Siamo d’accordo tutti. Ma le decisioni vanno prese sulla base dei dati del contagio” e se sono alti “è inevitabile ricorrere alla didattica a distanza. Farla soltanto per il 75% è una cosa incomprensibile. I dati forniti dall’Unità di crisi ci dicono che il contagio, nella fascia di età 0-18 anni, è cresciuto di 9 volte dopo le due settimane di apertura dell’anno scolastico”. “La vicenda di Napoli ha visto protagonisti pezzi di camorra, di antagonisti e di neofascisti. Solidarietà alle forze dell’ordine, e pugno di ferro contro i delinquenti. C’è chi ha bisogno di tenere aperto tutto per fare spaccio di droga. Il sindaco De Magistris? Parla di cose di cui non capisce nulla. Un sedicente sindaco che è l’espressione del più grande disastro amministrativo d’Italia. Dovrebbe essere messo in quarantena per i prossimi 20 anni”, conclude De Luca.