Covid, de Magistris: Napoli 150 strade a rischio. Domani varerò misure che sveleranno il festival dell’ipocrisia

183
in foto Luigi de Magistris

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha chiesto “una vasta istruttoria” al Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza per poter poi procedere alla messa a punto di quel “provvedimento ampio” annunciato nelle scorse ore per provare a contenere la diffusione del covid in città. Il provvedimento dovrebbe vedere la luce nella giornata di domani. De Magistris ha ribadito che ”non è all’ordine del giorno la chiusura di una strada. Solo persone prive di buon senso potrebbero immaginare un’azione simile. Noi – ha aggiunto – non siamo l’amministrazione che fa provvedimenti inutili, che prende in giro il territorio facendo interventi che addirittura possono favorire gli assembramenti e che sarebbero ingestibili dalle forze di polizia”. Il sindaco ha annunciato che si tratta di un provvedimento che “metterà in luce quale può essere l’unico punto di equilibrio di fronte a tutto questo e lo faremo di fronte all’inerzia che negli ultimi tempi si registra sulle decisioni chiare, trasparenti e forti da parti di chi può decidere sulle zone”. Il sindaco – a quanto riferito – ha già ricevuto dal Prefetto, Marco Valentini, un elenco che comprende circa 50 strade a rischio assembramenti cui si aggiungeranno quelle individuate dall’amministrazione per un elenco complessivo di circa 150 strade. “Sarà un provvedimento – ha concluso de Magistris – che metterà nelle condizioni di far capire a tutto il Paese che stiamo vivendo il festival dell’ipocrisia”.