Covid, de Raho: A Napoli attacco allo Stato. Nei disordini la regia dei clan e di estremisti di destra e di sinistra

82
In foto Federico Cafiero de Raho

“Ciò che è avvenuto venerdì sera a Napoli rappresenta un vero e proprio attacco allo Stato”. Lo ha detto al Gr1 di Radio Rai Federico Cafiero De Raho, procuratore nazionale Antimafia, spiegando che dietro ai disordini di Napoli c’è la regia di clan camorristici e di gruppi estremisti di destra e sinistra. “La violenza è stata tale in alcuni momenti da dimostrare che coloro che hanno partecipato certamente non erano ristoratori”, le parole del procuratore De Raho, secondo il quale “sostenere manifestazioni pubbliche è certamente di grande importanza per la camorra perché lega a sé quelle parti sociali che più di altre risentono delle conseguenze delle chiusure”. De Raho ha poi concluso che le organizzazioni mafiose intervengono proprio dove “c’è una difficoltà economica che non viene sostenuta dallo Stato perché i clan non hanno bisogno di liquidità ma di imprese pulite, mediante le quali collocare il proprio denaro canalizzando profitti illeciti”.