Covid: giudice Giorgianni, ‘io e Gratteri diffamati, non farò il vaccino ma non chiamatemi no vax’

21

Palermo, 26 mar. (Adnkronos) – “Siamo stati bollati come due dei peggiori negazionisti del Covid, antivaccinisti, e diffusori di pericolose fake news. E il mio collega Gratteri è stato attaccato, solo per avere accettato di firmare la prefazione del libro gli è stato appioppato l’epiteto di negazionista. Basta. Farò la querela, come ho già detto e lo confermo anche oggi. In quell’articolo, e in altri che poi sono stati pubblicati, ci sono affermazioni che hanno un contenuto diffamatorio”. A parlare, in una intervista esclusiva all’Adnkronos, è Angelo Giorgianni, 66 anni, giudice presso la Corte d’Appello di Messina e autore del libro ‘Strage di Stato-Le verità nascoste della Covid-19′ con la prefazione di Nicola Gratteri, Procuratore di Catanzaro. Nel libro, scritto con il medico Pasquale Bacco, Giorgianni spiega quali sarebbero stati, a suo modo di vedere, “gli errori commessi” dall’inizio della pandemia. “E’ un libro-inchiesta in cui ogni affermazione è circostanziata ed è legata a un riferimento preciso”, spiega il giudice che ha già fatto sapere che non si vaccinerà ma che non vuole essere definito un “no vax”.