Covid, il sindaco di Calvi Risorta rianimatore al Cotugno: Urge lockdown. Assistenza sanitaria non più garantita

81
in foto Giovanni Lombardi (fonte foto Facebook)

“Urge un nuovo e serio lockdown perché, al momento, l’assistenza sanitaria non è più garantita”. Lo ha scritto nella tarda serata di ieri in un post su Facebook il sindaco di Calvi Risorta (Caserta), Giovanni Lombardi, medico anestesista-rianimatore dell’Azienda ospedaliera dei Colli di Napoli. Il post, spiega Lombardi, è stato pubblicato al termine di “un turno di 12 ore nel pronto soccorso del Cotugno e da stamattina la centrale operativa regionale di smistamento non è riuscita a trovare né un posto di terapia intensiva né di sub-intensiva in nessun ospedale della Campania. Questo significa che siamo costretti a lasciare pazienti critici in reparti non intensivistici per mancanza di posti letto. La variante (soprattutto quella inglese) sembra essere più aggressiva ed in grado di colpire anche i giovani, i ventilatori scarseggiano e, per ridurre la pressione sugli ospedali, urge un nuovo e serio lockdown perché, al momento, l’assistenza sanitaria non è più garantita”, conclude Lombardi.