Covid: parente vittima Bergamo, ‘nostri morti vanno riconosciuti, siamo amareggiati’

15

Milano, 8 mar. (Adnkronos) – “Siamo arrabbiati e amareggiati, era già successo con la visita di Mattarella che nessuno dei rappresentanti fosse invitato, ora si sta ripetendo l’ennesima storia. Il team dei legali avrebbe diritto alla rappresentanza per la visita del premier Draghi a Bergamo, in quanto noi siamo stati la zona colpita di più e sin da subito. L’anno scorso, in questo periodo, i nostri famigliari cadevano come birilli”. Annamaria Cortesi non usa giri di parole per manifestare il suo malcontento. Pensionata, 64 anni, Annamaria è tra i famigliari delle vittime del Covid di Bergamo che, tramite l’avvocato Consuelo Locati, chiedono da un anno “verità e giustizia” per i loro parenti.