Covid, più controlli all’aeroporto di Capodichino per chi rientra dall’estero. De Luca firma l’ordinanza

23
In foto l'aeroporto internazionale di Napoli Capodichino

Nuove e più rigide misure contro l’epidemia da Coronavirus sono state disposte dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha firmato l’ordinanza numero 20 contenente “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Disposizioni in tema di controlli dei rientri dall’estero nel territorio della Campania”. Il provvedimento, che ha decorrenza immediata e fino al 31 agosto, fa obbligo a tutti i passeggeri in arrivo all’aeroporto Internazionale di Napoli attraverso voli, diretti o di transito, da Stati dell’Unione europea, Principato di Monaco, Andorra, Svizzera, Islanda, Norvegia, Lichtenstein e Israele nonché da Giappone, Canada e Stati Uniti o che abbiano transitato o soggiornato negli ultimi 14 giorni antecedenti in uno dei medesimi Paesi di esibire, al personale preposto, certificazione verde Covid-19 attestante l’avvenuta vaccinazione anti Covid-19, guarigione da Covid-19 o l’effettuazione di un tampone antigenico o molecolare in conformità a quanto prescritto dalla vigente disciplina statale. In mancanza di certificazione, di sottoporsi a test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, e di osservare ogni eventuale ulteriore obbligo in conseguenza dell’esito del tampone effettuato.
Con la nuova ordinanza De Luca dà mandato all’Usmaf, in raccordo con l’Unità di Crisi regionale, la Gesac e la Protezione Civile regionale e con il supporto dell’ASL NA 1 di realizzare, presso l’Aeroporto Internazionale di Napoli, presidi per il controllo con personale dedicato – in conformità alla disciplina di cui al dpcm 17 giugno 2021 – del possesso di certificazione verde Covid-19 da parte dei passeggeri indicati al punto 1 della presente ordinanza e per la somministrazione di test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, ai soggetti eventualmente sprovvisti di idonea certificazione, salva la segnalazione alle Autorità competenti per le sanzioni di legge. Inoltre, è raccomandato alle Forze dell’Ordine di assicurare ogni idonea misura finalizzata a garantire il rispetto del presente provvedimento. Per i trasgressori sono previste multe da 400 a 1.000 euro.