Covid: Tria, ‘no a legge su green pass, così si intasa Parlamento’

14

Roma, 24 ago. – (Adnkronos) – “Non ci si può muovere solo attraverso le leggi, perché ogni volta che vi si ricorre per varare un provvedimento” bisogna ricordare che “è difficile cambiare se non ricorrendo a un’altra legge. In una situazione fluida come questa penso serva un atteggiamento flessibile, mentre non mi sembra una buona posizione questo irrigidimento” da parte della Cgil sulla richiesta di un green pass sul posto di lavoro. Lo sottolinea all’Adnkronos Giovanni Tria, ex ministro dell’Economia e consulente economico del Mise sul dossier vaccini, rispondendo al segretario della Cgil Maurizio Landini che – pur prendendo le distanze dai no vax – afferma che “è responsabilità del governo e del Parlamento rendere per legge obbligatoria la vaccinazione”. Tria sottolinea come la necessità di un approccio più pragmatico “non è solo per una questione di tempi: un decreto legge è immediatamente attuativo ma poi va convertito e così si intasa il Parlamento” due volte visto che “poi per correggerlo va fatta un’altra legge”.