Crisi, Censis: giovani più poveri dei nonni. Reddito giù del 26,5% rispetto a 25 anni fa

47


Per la prima volta nella storia i giovani sotto i 35 anni saranno piu’ poveri dei loro padri, dei loro nonni e anche dei loro coetanei di 25 anni fa. A rilevarlo e’ il Censis nel suo Rapporto sulla situazione sociale del paese del 2016. “Sono evidenti gli esiti di un inedito e perverso gioco intertemporale di trasferimento di risorse che ha letteralmente messo ko economicamente i millennial”, annota l’istituto. Rispetto alla media della popolazione, “oggi le famiglie dei giovani con meno di 35 anni hanno un reddito piu’ basso del 15,1% e una ricchezza inferiore del 41,1%”. Nel confronto con venticinque anni fa, sottolinea il Censis, “i giovani di oggi hanno un reddito del 26,5% piu’ basso di quello dei loro coetanei di allora, mentre per gli over 65 anni e’ invece aumentato del 24,3%. La ricchezza degli attuali millennial e’ inferiore del 4,3% rispetto a quella dei loro coetanei del 1991, mentre per gli italiani nell’insieme il valore attuale e’ maggiore del 32,3% rispetto ad allora e per gli anziani e’ maggiore addirittura dell’84,7%. Il divario tra i giovani e il resto degli italiani si e’ ampliato nel corso del tempo, perche’ venticinque anni fa i redditi dei giovani erano superiori alla media della popolazione del 5,9% (mentre oggi sono inferiori del 15,1%) e la ricchezza era inferiore alla media solo del 18,5% (mentre oggi lo e’ del 41,1%)”