Cristiano Segnini il più giovane dell’equipaggio di Ribbing for Arctic, la spedizione in gommone tra i ghiacci del Polo Nord

48

Cristiano Segnini, classe 1980, napoletano doc con il mare nelle vene – è figlio di un marinaio – è il membro più giovane dell’equipaggio di «Ribbing for Arctic», prima spedizione in gommone tra i ghiacci del Polo Nord. Cresciuto con la passione per il mare, viaggi e i gommoni, pilota di motonautica, Segnini è esperto di progettazione d’imbarcazioni ad alte prestazioni ed è iscritto al CCN – Circolo Canottieri Napoli. Con Ribbing for Artic vuole dare il suo contributo alla conoscenza delle barche e del mare.

Ribbing for Artic
La spedizione Ribbing for Artic è partita lo scorso 3 luglio sulla scia dei Vichinghi e dei grandi esploratori del 18mo secolo che cercavano il passaggio più breve verso l’Oceano Pacifico. Alla guida della spedizione Thomas Panagiotopoulos, giornalista e navigatore greco non nuovo ad avventure estreme. A bordo del gommone Artic, un semirigido Seafigther Y 36 di costruzione greca lungo 10,95 m.f.t. e largo 3,16, motorizzato con una coppia di Suzuki DF 350 A Dual, punta a stabilire un record di navigazione ma vuole anche documentare l’impatto degli esseri umani su quello che una volta era un vero e proprio santuario della natura, le conseguenze del cambiamento climatico sulla fauna selvatica e la lotta delle piccole comunità di Inuit per sopravvivere, con il loro stile di vita tradizionale e la loro cultura, ai cambiamenti portati dalla globalizzazione.
Negli ultimi due anni abbiamo lavorato molto duramente per rendere reale questa impresa. È un viaggio davvero fantastico, la maggior parte del quale si svolgerà all’interno del Circolo Polare Artico”, spiegano i due esploratori