Cristina Scabbia (Lacuna Coil) prossimamente a Napoli: ecco il metal made in Italy

119

di Rosina Musella

Cristina Scabbia muove i suoi primi passi come cantante professionista nel 1990, a poco meno di vent’anni, avvicinandosi alla musica soul e dance. Sono anni intensi in cui si divide tra più lavori per potersi dedicare alla passione che ha da giovanissima: la musica. Qualche anno dopo, l’incontro provvidenziale con Marco Coti Zetali, all’epoca già bassista del gruppo rock metal Ethereal (oggi noto come Lacuna Coil): il gruppo, alla ricerca di una voce femminile con cui accompagnare quella di Andrea Ferro, scelse quella di Scabbia che si sposava bene con il sound del gruppo e di Ferro stesso.

Da lì il resto è storia: i Lacuna Coil si fanno strada sulla scena musicale nazionale e soprattutto internazionale, scalando le classifiche; con “Comalies” raggiungono il 178° posto della classifica Billboard 2004 dei 200 dischi più venduti negli Stati Uniti, nel 2004 e nel 2006 partecipano all’OzzFest, festival musicale organizzato da Ozzy e Sharon Osbourne e dedicato principalmente all’heavy metal.
Diverse sono le collaborazioni a cui Cristina Scabbia prende parte negli anni, sia come cantante singola, sia come membro dei Lacuna Coil, tra le tante citiamo il duetto con Dave Mustaine dei Megadeth nella versione di “À tout le monde” presente nel disco “United Abominations”. Non mancano le partecipazioni a progetti musicali di beneficenza come “Rezophonic” per la costruzione di pozzi d’acqua in Kenya, e la collaborazione con Tarja Turunen nel Natale 2017 per la realizzazione della cover di Feliz Navidad, i cui proventi furono donati agli sfollati dell’isola Bermuda, devastata dall’Uragano Irma.

in foto Cristina Scabbia e Dave Mustaine

Il suo ruolo, soprattutto in quanto donna, è stato ed è tutt’ora fondamentale per la musica metal italiana e internazionale: “Sono felice di aver aperto diverse porte all’universo femminile in un mondo che è sempre stato prettamente maschile” afferma lei stessa nel video pubblicato nel 2018 sul canale Youtube del talent show “The Voice of Italy” a cui prende parte “per capire come funziona da dentro. Si è detto tanto di questi programmi, che non sono ben visti nel mondo rock metal, per me era importante verificare di persona.”
Ancora oggi, nonostante il silenzio forzato causato dall’impossibilità di organizzare eventi con pubblico dal vivo, la Scabbia e i Lacuna Coil restano in contatto con i loro fan tramite i profili social da cui scrivono “2020 has been a very tough year for everyone, but TOGETHER we will Rise From The Apocalypse” (“Il 2020 è stato un anno molto difficile per tutti, ma INSIEME Risorgeremo Dall’Apocalisse”) e qualche settimana fa, l’11 settembre, sono tornati sul palco dell’Alcatraz di Milano per il concerto “Live from the Apocalypse” svoltosi in diretta streaming mondiale, in cui si sono esibiti anche con pezzi mai suonati live prima di allora.
La musica, quindi, non si ferma e gli artisti, in questo come in tanti altri campi, continuano a lavorare per portare alla luce i loro progetti quando la situazione sanitaria lo permetterà.
Di musica, di come lavorare in questo campo e come sconfiggere i propri “demoni” Cristina Scabbia parlerà il prossimo 21 novembre, a Napoli, all’incontro “Il percorso verso il sogno” co-organizzato dall’Accademia di Musica RMA e Rocker, presso il Salone Margherita. L’evento, aperto a tutti previa prenotazione, si concluderà con un attestato di partecipazione e la possibilità di scattare una foto con la cantante.

Qui di seguito il link dell’evento: https://www.facebook.com/events/372757907429851/