“Cryo-Tem”, arriva al Cnr di Napoli il primo super microscopio da Nobel

66
in foto Prof. Massimo Inguscio, presidente del Cnr

Arriva in Italia il primo super microscopio da Nobel. Si chiama Cryo-Tem, funziona a temperature bassissime e si basa sulla tecnologia emergente alla base di tre premi Nobel nel 2017. E’ in fase di installazione a Napoli presso l’Area di Ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). Permetterà di analizzare i campioni biologici a livello di singoli atomi, al fine di studiare come funzionano molecole e proteine per scoprire i segreti dell’organismo umano. Lo ha annunciato all’Ansa il presidente del Cnr Massimo Inguscio, che è intervenuto a Napoli al convegno sul progetto europeo “Human Brain Flagship”, organizzato dall’Istituto di biochimica e biologia cellulare (Ibbc) del Cnr. “Questo microscopio sarà un’avventura enorme, ci permetterà di essere in gara con gli Usa” ha rilevato Inguscio. Finanziato con il Programma Operativo Nazionale (PON) Infrastrutture, sara’ installato nel primo laboratorio di imaging avanzato per la biologia molecolare strutturale e cellulare basato sull’utilizzo della microscopia elettronica criogenica a trasmissione (Cryo-Tem). Su tale tecnologia emergente, l’Italia e’ attualmente in ritardo rispetto ad altri paesi scientificamente rilevanti, come Regno Unito, Europa continentale e Stati Uniti. “Questo microscopio – ha spiegato il presidente del Cnr – vede ogni singola struttura con una risoluzione di pochi miliardesimi di metro, alla scala degli atomi, cioe’ ai primi mattoni”. Si potra’ vedere cosi’ come si aggregano gli atomi per diventare proteine e analizzare nei dettagli le loro strutture, incluso il modo in cui si piegano nelle forme che spesso determinano le loro funzioni, che sono alla base del meccanismo di funzionamento di tutti gli esseri viventi. L’apparecchiatura e’ in corso di installazione, ha concluso Inguscio, in un’area con un importante capitale di risorse umane, con biologi, medici, fisici, chimici e ingegneri, molti dei quali hanno già acquisito all’estero competenze specifiche sull’impiego della tecnologia Cryo-Tem.