Csm, dal Plenum ok al bando per 20 procuratori europei delegati (due a Napoli e Salerno)

42

Il Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura ha approvato a maggioranza la delibera della Terza Commissione per l’interpello per la designazione di 20 procuratori europei delegati dello Stato Italiano. La delibera ha ottenuto 20 preferenze a favore e quattro astensioni (i togati Ardita e Di Matteo, e i laici Cavanna e Basile) Il relatore della pratica, il togato Giovanni Zaccaro, presidente della Commissione che ha predisposto in tempi rapidissimi l’interpello per la designazione dei 20 Ped, ha sottolineato “l’importanza del bando per dare impulso al funzionamento di Eppo in Italia. Solo la creazione di organi giudiziari comuni fra tutti i paesi europei può aiutare a fronteggiare la criminalità che sempre più opera al di là dei confini nazionali. Serve uno sforzo in tale senso anche per fornire risorse materiali ai procuratori europei delegati senza sottrarle alle procure nazionali”. I futuri procuratori europei saranno destinati 2 a Bari (per i distretti di Bari, Lecce e Campobasso); 2 a Bologna (per i distretti di Bologna, Ancona e Firenze); 2 a Catanzaro (per i distretti di Catanzaro, Reggio Calabria e Potenza); 3 a Milano (per i distretti di Milano e Brescia); 2 a Napoli (per i distretti di Napoli e Salerno); 2 a Palermo (per i distretti di Palermo, Catania, Caltanissetta e Messina); 3 a Roma (per i distretti di Roma, Perugia, Cagliari e L’Aquila); 2 a Torino (per i distretti di Torino e Genova); 2 a Venezia (per i distretti di Venezia, Trieste e Trento).