Cultura 4.0, Istituti di Napoli: alla scoperta dei tesori delle collezioni in digitale

66

L’Istituto italiano per gli studi storici, la Fondazione “Biblioteca Benedetto Croce”, la Cappella e Museo del Tesoro di San Gennaro, il Pio Monte della Misericordia e la Società Napoletana di Storia Patria aprono le porte del patrimonio del Polo digitale degli Istituti culturali di Napoli. Tra luglio e settembre 2024, grazie al contributo della Regione Campania per la promozione e la valorizzazione dei patrimoni bibliografici antichi e di pregio, sono previste 5 giornate di visite guidate per mostrare i tesori delle collezioni digitalizzate e pubblicate sulla piattaforma del Polo digitale degli istituti culturali di Napoli http://www.polodigitalenapoli.it/it/1/home.

Mercoledì 10 luglio l’Istituto italiano per gli studi storici mostrerà volumi rari e di pregio scelti tra i circa 650 esemplari digitalizzati del XVI, XVII e XVIII secolo provenienti dalla Biblioteca di Benedetto Nicolini e dal Fondo Riservati dell’istituto fondato da Croce.

Martedì 16 luglio i visitatori potranno ammirare, nella Fondazione “Biblioteca Benedetto Croce” che fu la dimora del filosofo, la sua biblioteca oggi interamente catalogata e alcuni degli esemplari digitalizzati, in particolare appartenenti alla celebre Collectio viciana, con volumi postillati dallo stesso Giambattista Vico.

Giovedì 5 settembre, nel corso della visita guidata alla Cappella e Museo del Tesoro di San Gennaro, si ripercorrerà, attraverso i documenti digitalizzati, la storia dell’istituzione sin dal voto espresso nel 1527 – il “voto della città” – con cui il popolo napoletano, in onore al Santo, fece solenne promessa per la costruzione di una nuova Cappella nel Duomo per custodirne le Reliquie.

Venerdì 6 settembre, in occasione della visita al Pio Monte della Misericordia, tra i documenti digitalizzati saranno esposti due registri: il primo libro delle Conclusioni in cui sono riportate le decisioni dei Governatori e il primo registro delle Declaratorie nelle quali sono trascritti i resoconti contabili delle spese effettuate.

Mercoledì 18 settembre, durante la visita alla sede della Società Napoletana di Storia Patria, sarà esposta un’ampia selezione di volumi antichi, fotografie, stampe, disegni e pergamene delle ricche collezioni digitali della Società.

Destinate a un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo di studiosi e ricercatori, appassionati di storia e cultura locale, studenti, personale di altre istituzioni culturali, le visite guidate mirano a diffondere la conoscenza del ricchissimo patrimonio degli istituti culturali napoletani e del portale del Polo digitale per avvicinare il pubblico alle nuove tecnologie per la fruizione del patrimonio culturale.
Alla realizzazione del progetto hanno contribuito bibliotecari, archivisti, storici dell’arte, informatici, esperti di digital humanities: un esempio di buona pratica di messa in rete, condivisione di materiali e professionalità, sostenibilità nel tempo. Digitalizzare per valorizzare e tutelare.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria all’indirizzo mail dei singoli istituti