Cure odontoiatriche gratuite a Salerno: progetto pilota per un anno

330

Un ambulatorio dedicato alla patologia e alla medicina orale per la diagnosi precoce del carcinoma orale e per offrire ai cittadini, in particolare quelli più indigenti, cure odontoiatriche gratuite cui, altrimenti, non si sottoporrebbero. E’ il progetto assistenziale di prevenzione odontoiatrica dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, il secondo avviato in Campania dopo quello della Federico II di Napoli. Il progetto, della durata di dodici mesi, nasce grazie alle risorse del 5×1000 impiegate dall’azienda ospedaliera salernitana per sperimentare i nuovi Livelli essenziali di assistenza ed è dedicato all’età evolutiva e agli anziani. Il programma prevede la presa in carico, in tempi brevi, dei pazienti che hanno patologie sistemiche significative o che sono ricoverati in ospedale tra i quali coloro che devono iniziare una chemioterapia o i trapiantati o quelli che necessitano di bonifiche pre-operatorie. “Il problema e’ sapere se queste prestazioni sanitarie verranno poi comprese tra i livelli essenziali di assistenza oppure no”, avverte il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell’incontro nell’aula Scozia. “Intanto, siamo partiti e lo considero un fatto importante perche’ e’ un inizio anche simbolico di una nuova fase della sanita’ campana, quella della umanizzazione della sanita’, cioe’ dell’avvicinamento sempre piu’ forte ai cittadini e, soprattutto, alla povera gente”, commenta il ‘governatore’ aggiungendo che “in Italia ci sono decine di migliaia di persone che non si curano piu’ e, in modo particolare, non vanno dal dentista perche’ non riescono a sopportare i costi”. Per il direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria di Salerno, Giuseppe Longo, nel progetto “c’e’ un unico punto di debolezza, perche’ e’ stato autorizzato per un solo anno, ma ci ripresenteremo in Regione se non venissero ancora resi operativi i nuovi Lea per chiedere una proroga per continuare con le attività.