“Da 2 anni cadevano pezzi di ferro dal ponte”

25

Roma, 15 ago. (AdnKronos) – ” fino a questo momento. Forse, ma non è certo, altri due sono dispersi…ancora non riusciamo a spiegarci e a capire ciò che è successo…la nostra parte razionale non lo accetta. Le nostre rimesse sono tutte sotto i viadotti ed ora mi rendo conto come e quanto la nostra categoria sia tenuta in considerazione. La rimessa di Campi negli ultimi 2 anni è stata colpita da pezzi di ferro che cadevano dal viadotto in questione, tanto da far mettere oltre alle reti di protezione, una struttura fatta da impalcature come protezione e che obbligasse ad un solo punto il transito di mezzi e lavoratori. Ricordo che solo il momento della doccia ha salvato molti colleghi da un’orribile fine”. E’ quanto afferma in una nota Paolo Petrosino, dipendente AMIU, delegato USB, vicecoordinatore della RSU, in merito al crollo dek ponte Morandi a Genova.

“Guardo la tv mentre flotte di politici, ingegneri, giornalisti, cardinali, tuttologi, puntano il dito, vogliono nomi, giurano punizioni, invocano Dio. Mi chiedo – continua – perché le cose non cambiano mai e quanto la nostra indifferenza contribuisca a questo stato delle cose o se le povere vittime di oggi serviranno almeno a farci cambiare, a migliorare la vita di tutti noi ed a scongiurare altri eventi di questo tipo. Cercate in voi la risposta se ci riuscite… io non ce la faccio… la mia parte razionale non ha risposte. L’unica cosa in me perfettamente chiara è una sensazione alla bocca dello stomaco… dolore, paura, disgusto, impotenza, rabbia… tanta tanta rabbia” conclude Petrosino.