Da Cdp, Mcc e Banca Sella 100 mln alle imprese: seconda tranche (25 mln) del basket bond. Le Pmi interessate

71

Favorire l’accesso al mercato dei capitali delle imprese di piccole e medie dimensioni, finanziarne i progetti di crescita e aiutarle a essere più competitive sia in Italia sia all’estero. Questi gli obiettivi del programma triennale di basket bond da 100 milioni lanciato nel novembre 2021 da Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Mediocredito Centrale (MCC) e Sella e che, grazie a una seconda emissione di 25 milioni, raggiunge 49,5 milioni complessivi e sostiene cinque aziende che operano in diversi settori dell’economia italiana.
In particolare, la nuova emissione riguarda tre imprese: GA.MA (leader nel settore delle tecnologie e della bellezza per i capelli e il viso), FAB (società attiva nella produzione di componenti per l’arredo) e Centro di Riabilitazione Lars (azienda specializzata in servizi di riabilitazione e assistenza), che hanno emesso tre minibond della durata di sette anni, raccogliendo risorse utili a sostenere i rispettivi piani di investimento e sviluppo in Italia e all’estero.
Cdp e Mccsono intervenute entrambe in qualità di anchor investor, sostenendo ciascuna il progetto attraverso la sottoscrizione del 40% dei titoli emessi da una società veicolo – Special Purpose Vehicle (SPV) –, mentre Banca Sella ha sottoscritto il restante 20% dei titoli, così come avvenuto in occasione della prima tranche del programma del valore di 24,5 milioni e che aveva riguardato due imprese attive nel settore dei servizi linguistici e dell’agroalimentare.
Il piano, che proseguirà con altre emissioni di minibond da parte di aziende italiane fino al raggiungimento dei 100 milioni previsti, è stato promosso dalla divisione Sella Corporate & Investment Banking che ha agito in qualità di arranger.
Gardant ha ricoperto il ruolo di servicer e corporate servicer, monitoring agent e altri ruoli correlati, mentre lo studio legale Chiomenti ha agito come deal counsel.
Le emissioni obbligazionarie sono state quotate sull’ExtraMOT Pro3, il segmento di Borsa Italiana dedicato ai minibond, che garantisce visibilità sui mercati alle Mid-Cap e PMI che hanno aderito all’iniziativa.

I dettagli dell’operazione
GA.MA, azienda bolognese attiva nel mercato dei componenti elettronici per la cura del capello e del viso anche a livello internazionale, ha emesso un minibond da 10 milioni e della durata di 7 anni, per rafforzare la capacità produttiva in Italia tramite investimenti in macchinari e attrezzature innovative presso lo stabilimento di recente inaugurazione a Cossolengo (Piacenza).
FAB, azienda con sede a Petriano (Pesaro e Urbino) specializzata nella produzione di piani da lavoro per cucine componibili, ha emesso un minibond da 10 milioni e durata di 7 anni, destinato alla realizzazione di un nuovo stabilimento produttivo altamente automatizzato, che garantirà benefici in termini di maggiori volumi prodotti e di economie di scala.
Centro di Riabilitazione Lars, con sede a Sarno (Salerno) che si occupa dal 1989 di assistenza riabilitativa ambulatoriale, domiciliare e residenziale sia a ciclo continuo che diurno, ha emesso un minibond da 5 milioni e durata di 7 anni, finalizzato alla costruzione di 4 nuovi edifici destinati ad ospitare una Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) e ad offrire servizi di riabilitazione e trattamenti terapeutici.