Da Digithon appello per cabina di regia su strategia digitale

4

Roma, 6 set. (Labitalia) – Una cabina di regia per costruire la strategia digitale del Paese. E’ l’appello al neo ministro dell’Innovazione, Paola Pisano, che arriva da Federico Leproux, ad di Teamsystem, leader nella fornitura di soluzioni digitali, con un milione e 400 mila clienti, piccole e medie imprese, intervenuto oggi a Digithon, la maratona delle idee digitali in corso a Bisceglie in Puglia.

“Un appello è: sediamoci tutti, le parti coinvolte, tutti quelli che hanno da dire qualcosa e costruiamo insieme una strategia digitale per il sistema Paese, che diventi il made in Italy del software, che diventi un’altra area di eccellenza per il Paese”, spiega in un’intervista ad Adnkronos/Labitalia.

“E’ fondamentale farlo insieme, perché la velocità e la quantità di cambiamenti -spiega ancora- è tale che nessuno da solo può avere in mente cosa si può fare e come si può farlo. Ci vogliono le istituzioni, ci vuole il legislatore, ci vogliono gli imprenditori, ci vogliono i produttori come noi, servono le parti sociali perché il digitale sta cambiando il modo di lavorare. E, quindi, serve assolutamente una cabina di regia che unisca tutte le competenze e tutte le istanze per costruire la strategia digitale per costruire una nuova eccellenza: il made in Italy del digitale”, conclude Leproux.

Una proposta subito accolta e rilanciata da Marco Gay, ad di Digital Magics e presidente di Anitec-Assinform. “In questo momento, potenzialmente, si potrebbe creare un piano industriale per il digitale, ascoltando il mercato, ascoltando le imprese per far sì che chi governa possa fare quello per cui è lì: favorire lo sviluppo e la crescita per creare benessere e ricchezza partendo dai territori e dai talenti, e utilizzando il digitale per cui siamo riconosciuti e riconoscibili in tutto il mondo, commenta con Adnkronos/Labitalia, da Digithon.

Per Gay, il tavolo “va fatto subito: il digitale non aspetta, l’innovazione nemmeno, e l’innovazione colta con etica, aiutata e favorita può essere un volano straordinario di sviluppo e non come qualcuno dice un problema o una distruzione dei posti”. “Può essere invece uno strumento al servizio di chi lo vuole mettere in pratica per crescere e creare sviluppo”, conclude.

E sul digitale, dal palco di Digithon, interviene anche Alessandro Profumo, ad di Leonardo: “C’è un grande dibattito oggi quando si parla di intelligenza artificiale, di digitale. E si ‘vede’ più la minaccia sui posti di lavoro e sulla grande concentrazione della ricchezza. Certamente temi importanti, bisogna indirizzarli, ma il digitale e l’intelligenza artificiale possono essere degli strumenti anche per stimolare lo sviluppo sostenibile del Paese. Pensate al campo della mobilità sostenibile, a quello della sanità, al campo dell’assistenza agli anziani, a quello della formazione, quante opportunità il digitale può creare. E quanti nuovi mercati e prodotti può aprire alle piccole e medie imprese”, aggiunge Profumo, osservando come “il digitale aiuta ad abbassare le barriere all’entrata: vent’anni fa fare un evento del genere a Bisceglie non sarebbe stato pensabile, oggi siamo qui a Bisceglie a parlare di digitale”.