Da Pompei al Gesù Nuovo, 7 incontri in 10 ore
Serrato tour napoletano per papa Francesco

43

Sette incontri in sole dieci ore di permanenza in città. È serratissimo il programma di Papa Francesco organizzato per il prossimo 21 marzo a Napoli. Dopo la prima tappa nel Santuario Sette incontri in sole dieci ore di permanenza in città. È serratissimo il programma di Papa Francesco organizzato per il prossimo 21 marzo a Napoli. Dopo la prima tappa nel Santuario di Pompei (25 km dal capoluogo) il Santo Padre sarà a Scampia, in piazza del Plebiscito per celebrare la Santa Messa, a Poggioreale dove pranzerà con i detenuti, al Duomo per venerare San Gennaro, al Gesù Nuovo per incontrare gli ammalati, infine sul lungomare per salutare i giovani. Il programma e l’organizzazione della visita di Bergoglio sono stati illustrati oggi dal Cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, e dai vertici istituzionali che collaborano per l’evento: il sindaco de Magistris, il governatore Caldoro, il prefetto Musolino, il Questore Marino, il comandante dei Carabinieri Mottola, il presidente della Corte d’Appello Buonaiuto. Il programma La prima tappa a Pompei, dove, arriverà alle 8 del mattino e poco dopo si recherà al Santuario per pregare la Madonna, poi via agli altri appuntamenti. A cominciare da Scampia, dove il Papa atterrerà , alle 9, nel campo sportivo e troverà ad accoglierlo il cardinale Sepe, Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. In piazza Giovanni Paolo II incontrerà i rappresentanti delle varie categorie: operai, disoccupati senza fissa dimora, esponenti della magistratura, della Prefettura e delle forze dell’ordine, e della cultura. Attraversando il corso Secondigliano, Francesco raggiungerà, con la papamobile, Piazza del Plebiscito, dove alle 11 sarà celebrata la messa. Poi il pranzo con i detenuti nel carcere di Poggioreale alle ore 13 e, nel pomeriggio, prima un passaggio in episcopio e un incontro nel Duomo vero le 15. L’appuntamento con i malati sarà nella chiesa del Gesù Nuovo, nel centro storico, più o meno alle 16, e, infine, una festa dei giovani sul lungomare di Napoli alle 17. Per l’organizzazione, sarà messo in piedi un Comitato del quale faranno parte un esponente per ognuna delle istituzioni coinvolte.