Dalla storia al futuro, il patrimonio archeologico-industriale: workshop di Aipai e Ristorami

151
In foto Amedeo Lepore

“Dalla storia al futuro, il patrimonio archeologico-industriale e gli archivi d’impresa”. E’ il titolo del workshop scientifico a cura di Aipai e Ristorami in programma a Napoli per sabato 20 maggio, all’Auditorium della Porta del Parco (ex Ilva di Bagnoli), in Via Diocleziano 341, a partire dalle ore 10,30.

Prima parte
Un appuntamento diviso in due parti. Nella prima sessione, prenderanno la parola per i saluti Laura Lieto, assessore all’Urbanistica del Comune di Napoli, Bruno Discepolo, assessore all’Urbanistica della Regione Campania, Michelangelo Russo, direttore del Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli Federico II. Quindi, l’introduzione alle tematiche ed ai problemi del patrimonio industriale dell’ex lIva affidata ad Augusto Vitale, Università di Napoli Federico II, Aipai. Subito dopo sono previsti gli interventi di Edoardo Currà, Sapienza Università di Roma, Presidente Aipai, “Patrimonio industriale e ruolo dell’Aipai”; Renato Covino, Università di Perugia, Past President Aipai, “Aspetti culturali e politici del recupero industriale – il caso di Terni”; Massimo Preite, Università di Firenze, TICCIH E ERIH Board Member, Aipai, “Recupero e valorizzazione del patrimonio siderurgico: alcune esperienze internazionali”; Manuel Ramello, Architetto, Aipai, “Da città monoindustriale a terziaria e innovativa: il caso Torino e altri esempi internazionali”; Carolina Lussana, Fondazione Dalmine, Aipai, “L’esperienza della Fondazione Dalmine e la valorizzazione del patrimonio industriale”. Quindi, l’intervento di Giuseppe D’Angelo, Architetto, Circolo Ilva, “La valenza del patrimonio archeologico industriale nella rigenerazione urbana a Bagnoli”. Conclusioni di Filippo De Rossi, Sub Commissario di Governo del SRIN Bagnoli – Coroglio. Discussione dalle ore 13,00 alle 13,30, mentre 13,30 – 14,30 Buffet e intervallo.

Seconda parte
La seconda parte del workshop è prevista dalle ore 14.30- 18,30 e avrà inizio con l’introduzione di Amedeo Lepore, Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, che terrà un’introduzione alle tematiche e ai problemi degli Archivi di impresa, soffermandosi sul caso dell’Archivio della Cassa per il Mezzogiorno. Quindi, sarà la volta dei relatori Ludovico Solima, Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, “Archivi e Musei di impresa, una relazione virtuosa”;  Lucia Nardi, Archivio Storico Eni, “L’Archivio Storico dell’Eni e gli Archivi di impresa privati”; Giuseppe Moricola, Università L’Orientale di Napoli, “Archivi di impresa e storia imprenditoriale”;  Paola Avallone, CNR-ISMED, “Archivi per la storia del credito e della finanza”; Paola Nardone, Natascia Ridolfi e Ada Di Nucci, “Università di Chieti – Pescara “Gabriele D’Annunzio”, “Gli Archivi di impresa in una Regione di confine: l’Abruzzo”; Pierluigi Totaro e Renato Ghezzi, Università di Napoli Federico II e Università di Catanzaro “Magna Graecia”, “Due approcci agli Archivi di impresa: storia contemporanea e storia economica”, Ilaria Zilli, Università del Molise, “Archivi di impresa: opportunità, problemi e prospettive”. Previsto quindi l’intervento Massimo Menegozzo, Medico del Lavoro, Circolo Ilva, “Archivi di impresa e memoria storica del lavoro in fabbrica”. Conclusioni affidate ad Almerina Bove, Capo di Gabinetto del Presidente e Responsabile della Programmazione Unitaria della Regione Campania, e Dino Falconio, Sub Commissario di Governo del SRIN Bagnoli-Coroglio. Ore 17,30 – 18,30 discussione finale e chiusura del Convegno.