Dall’aerospazio alla biomedicina, via al programma Italia-Messico

52

Aerospazio, scienze biomediche, nuove tecnologie applicate ai beni culturali: finanziamenti ai ricercatori per progetti congiunti di mobilità tra Italia e Messico. A metterli a disposizione è il ministero degli Affari esteri Aerospazio, scienze biomediche, nuove tecnologie applicate ai beni culturali: finanziamenti ai ricercatori per progetti congiunti di mobilità tra Italia e Messico. A metterli a disposizione è il ministero degli Affari esteri italiano che ha pubblicato un nuovo bando nell’ambito del Programma esecutivo di collaborazione scientifica e tecnologica 2014-2016 tra i due Paesi. Per partecipare i candidati dovranno essere in possesso di precisi requisiti: il coordinatore scientifico italiano dovrà avere cittadinanza italiana o di un Paese dell’Unione Europea ed essere residente in Italia. Il coordinatore scientifico messicano dovrà avere cittadinanza messicana e risiedere in Messico. Finanziamenti Con i fondi del bando saranno coperti solo i costi degli scambi di ricercatori. Ogni anno saranno finanziati, per ciascun partner aderente al progetto, un soggiorno di breve durata (fino a 10 giorni) e uno di lunga durata (fino a 30 giorni). La parte italiana sosterrà le spese di viaggio in Messico dei ricercatori italiani (o di altro Paese membro Ue ma residenti in Italia) e darà un contributo alle spese di soggiorno in Italia dei ricercatori messicani (fino a un massimo di 1.300 euro per soggiorni di lungo periodo, e di 93 euro al giorno per quelli di breve periodo). La parte messicana sosterrà le spese di viaggio in Italia dei propri ricercatori e darà un contributo alle spese di soggiorno in Messico dei ricercatori italiani (fino a un massimo di 23.400 Pesos per soggiorni di lungo periodo e di 1.674 Pesos al giorno per quelli di breve periodo). I settori Sei le aree di ricerca all’interno delle quali sarà possibile presentare progetti: scienze di base, scienze biomediche, ambiente ed energia, agricoltura e agroalimentare, aerospaziale, tecnologie applicate ai beni culturali. Non saranno prese in considerazione proposte relative ad altre aree di ricerca. Tra i criteri di valutazione saranno particolarmente presi in considerazione, oltre all’originalità e innovatività del progetto, anche le potenzialità di creare opportunità di ricerca e sviluppo per i due Paesi (come ad esempio la creazione di laboratori congiunti e consorzi pubblico-privati). Sarà anche considerata positivamente l’eventuale partecipazione di imprese e industrie o la presenza di contributi finanziari di altri soggetti, nonché un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare Horizon 2020. Le domande Il responsabile italiano e quello messicano dovranno inviare la proposta al rispettivo ministero competente del proprio Paese. Per la parte italiana, i progetti devono essere presentati in lingua italiana unicamente tramite l’apposita procedura on-line, all’indirizzo web http://web.esteri.it/pgr/sviluppo. Ulteriori contributi Nel periodo di validità del Programma esecutivo Italia-Messico 2014-2016, e solo per i progetti congiunti di ricerca inseriti nel Programma, il coordinatore scientifico italiano potrà concorrere, annualmente e nei limiti dei fondi disponibili, all’apposito bando annuale per l’assegnazione di un contributo a copertura di spese di progetto della sola unità di ricerca italiana. L’agevolazione consisterà in un co-finanziamento: pertanto un significativo contributo alle spese di progetto dovrà provenire dall’unità di ricerca italiana proponente o da altre Istituzioni pubbliche o private. Il progetto ha durata triennale. Le domande vanno inviate entro il prossimo 30 giugno alle ore 24.


Le aree di ricerca Scienze di base Scienze Biomediche Ambiente ed Energia Agricoltura e agroalimentare Aerospaziale Tecnologie applicate ai beni culturali Contributi per ricercatori in Italia Fino a un massimo di 1.300 euro per soggiorni di lungo periodo Fino a un massimo di 93 euro al giorno per soggiorni di breve periodo Durata del progetto 3 anni Scadenza Ore 24 del 30 giugno 2014