Dall’Ict alla fisica, ecco il nuovo bando per progetti di ricerca congiunti Italia-Slovenia

90

Nel quadro dell’Accordo sulla cooperazione scientifica e tecnologica tra la Repubblica italiana e la Repubblica della Slovenia, firmato a Lubiana il 4 febbraio del 1998 ed entrato in vigore il 7 giugno 1999, la Direzione generale per la Promozione del Sistema Paese del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci) e il ministero dell’Educazione, Scienza e Sport del Governo della Slovenia, hanno pubblicato un bando per la raccolta di progetti di ricerca congiunti, finalizzato a sviluppare innovazione e partnership tecnologica tra i due Paesi.

I temi ammessi per le proposte progettuali sono crescita blu, tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict), fisica e astrofisica, tecnologie applicate all’agricoltura, silvicoltura e alla sicurezza alimentare, patrimonio culturale.

I progetti dovranno prevedere una durata pari a quella del Protocollo Esecutivo. Ogni capoprogetto potrà presentare una sola proposta, esclusivamente attraverso la piattaforma online: http://web.esteri.it/pgr/sviluppo. Lo schema previsto per il finanziamento Maeci è quello della mobilità, che prevede il pagamento dei viaggi e del soggiorno dei ricercatori coinvolti. La scadenza per partecipare al bando è fissata al 15 febbraio 2018.