D’Amico, donazione per la tutela dei tesori di Paestum: via al monitoraggio sismico del Tempio di Nettuno

36

D’Amico, tra le principali aziende italiane nella produzione di conserve alimentari, e da sempre legata al mondo dell’arte e della cultura, ha contribuito, in qualità di donor, al monitoraggio sismico, nel Parco Archeologico di Paestum, del Tempio di Nettuno, patrimonio dell’Unesco.Il monitoraggio sismico ha come obiettivo misurare in tempo reale ogni minimo movimento della struttura, grazie a dei sensori di ultima generazione posizionati nelle parti alte dell’edificio e nel sottosuolo. Grazie a ciò sarà possibile rintracciare i cambiamenti strutturali che non sono percepibili a occhio nudo e che potrebbero rappresentare un rischio.
“Donare per la realizzazione del progetto di monitoraggio ci ha fatto sentire custodi della storia – dichiara Sabato D’Amico titolare dell’omonima azienda -. Con la nostra azienda cerchiamo di affermare il made in Italy in tutto il mondo e a contribuire allo sviluppo di questo territorio della Piana del Sele, così ricco di risorse naturali e di cultura. Essere un mecenate significa creare un rapporto saldo con importanti realtà come il Parco Archeologico di Paestum e Velia che quotidianamente tutelano e valorizzano i nostri beni culturali per scrivere un progetto di crescita di più ampio respiro che guarda al futuro”.