D’Antona: Taverna, ‘visionario, combattente, riformatore’

37

Roma, 20 mag. (Adnkronos) – “Oggi ricordiamo Massimo D’Antona assassinato dalle Brigate Rosse il 20 maggio del 1999 durante una delle pagine più buie della nostra Repubblica. Appassionato giurista del lavoro, professore universitario, coraggioso riformatore che collaborò alla stesura di leggi che ancora oggi sono una tutela dei diritti dei lavoratori. Assassinato proprio perché visionario, combattente e riformatore”. Lo scrive su Facebook la senatrice M5S Paola Taverna, vicepresidente del Senato.