Danza, Positano premia la carriera di Lefe’vre e apre al pubblico una villa romana

27

Positano, riferimento mondiale dell’arte coreografica per il suo legame con Diaghilev, Massine e Nureyev, ospita il primo settembre prossimo, nel magico scenario della Spiaggia Grande, la 46esima edizione di premio di danza intitolato a Le’onide Massine, il piu’ antico al mondo dedicato all’arte coreutica e diretto da Laura Valente. Il riconoscimento alla carriera va a Brigitte Lefe’vre, artista e direttrice artistica, figura centrale nelle politiche culturali della danza in Francia, per vent’anni direttrice del Balletto dell’Ope’ra di Parigi, direttore artistico del Festival di Danza di Cannes.’Positano Premia la Danza – Le’onide Massine’ e’ capofila di una rete di sistema che riunisce i maggiori riconoscimenti mondiali dedicati al balletto come il Prix Benois di Mosca con il quale e’ gemellato, e il Prix Ballet 2000 del Palais des Festivals di Cannes. Frutto del gemellaggio tra Italia e Russia e’ il premio Benois/Massine, una scultura realizzata da Igor Ustinov, figlio dell’attore Peter, quest’anno e’ stato assegnato a Vladislav Lantratov del balletto del Bolshoi di Mosca. Novita’ di questa edizione il legame con l’archeologia, con la prima apertura notturna il primo e il 2 settembre della villa romana di Positano. L’iniziativa, a cura della Scabec Regione Campania, fa parte del programma di visite serali nei siti culturali ‘Campania by night’. Sepolta da una pioggia di cenere e detriti dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e rimasta sconosciuta fino a pochi anni fa, la villa custodisce reperti archeologici di valore come un ciclo di affreschi ora restaaurati del I secolo dopo Cristo ed e’ al di sotto della chiesa di Santa Maria Assunta. Per visitarla e’ stato realizzato un percorso con passerelle e un impianto di illuminazione, accessibile anche ai portatori di handicap. Il primio rinnova anche la collaborazione con il teatro di San Carlo di Napoli, che vanta la prima scuola di ballo di un teatro d’opera italiano, fondata nel 1812. Per concessione del Museo e Archivio Storico della Fondazione che regge il Massimo napoletano, dal 2017 il simbolo della manifestazione e’ un bozzetto di scena di Paolo Ricci realizzato per il balletto ‘Petrushka’ riprodotto in carta pergamenata.’Positano Premia la danza-Le’onide Massine’ e’ un progetto co-finanziato con i fondi a valere sul Poc Campania 2014-2020, organizzato dal Comune di Positano. Premiati anche i danzatori Maria Alexandrova (Teatro Bolshoi, Mosca); Federico Bonelli (The Royal Ballet, Londra); e Herman Cornejo (American Ballet Theatre, New York).