Dazn e i suoi fratelli: il successo dello sport in streaming

148

La rivoluzione digitale degli ultimi anni ha investito ogni attività quotidiana. Non fa eccezione il consumo di sport, sempre più legato allo streaming dei contenuti in diretta. Le nuove connessioni ultraveloci, le smart tv e gli smartphone sempre più performanti hanno portato migliaia di persone ogni anno a sottoscrivere abbonamenti ai servizi che offrono la trasmissione dei principali eventi live in tempo reale. Oggi parleremo proprio di questo. Del boom dello streaming, delle piattaforme esistenti nel nostro Paese e dei possibili sviluppi futuri del campo.
Partiamo da qualche dato: lo streaming video rappresenta attualmente oltre il 60% di tutto il traffico Internet (fisso e mobile) e esperti ipotizzano una crescita fino all’85% al termine del prossimo anno. Nei soli Stati Uniti, il 70% delle famiglie guarda programmi TV e film online: numeri che confermano che il modo in cui guardiamo la TV e gli eventi sportivi in diretta è cambiato radicalmente. Anche in Italia.
La novità più importante della stagione sportiva 2018/2019 è stata l’arrivo di Dazn. Ormai abbiamo iniziato tutti a conoscere questa piattaforma di streaming sportivo che ha acquistato i diritti per la trasmissione esclusiva di Ligue One, Liga Spagnola, Serie B, tre partite per ogni turno di serie A e Coppa Libertadores. Ma su Dazn non c’è solo calcio: l’offerta si è ulteriormente allargata negli ultimi mesi con l’inserimento di sport Usa come la MBL e l’NHL, il rugby e il campionato mondiale di Rally.
Tutti contenuti distribuiti in multipiattaforma e con un’interessante novità, quella di poter vedere in contemporanea due eventi diversi su due dispositivi differenti.
Dazn non è stata la prima realtà del mercato italiano. Prima di lei c’erano state piattaforme come Bet365, uno dei primi operatori a offrire quote ed eventi in live streaming e Sportube, prima web tv interamente dedicata al mondo dello sport. Fondata nel 2010, Sportube è stata acquistata nel 2017 dal broadcaster globale Eleven Sports, e oggi trasmette in diretta oltre 1200 eventi l’anno, compresa la Lega Pallavolo di Serie A e la Lega Pro di calcio.
L’Italia è diventata così il settimo mercato per il network, confermando l’ambizione del gruppo di diventare uno dei punti di riferimento nell’industria dei media sportivi con canali multipiattaforma disponibili sia sui mezzi tradizionali sia online. In tutto il mondo, Eleven Sports trasmette ad oggi più di 4.000 ore di eventi live l’anno, a cui si aggiungono gli spazi dedicati alle notizie, i canali tematici locali e i contenuti digitali on demand. E se i diritti nel nostro Paese sono ancora limitati alla pallavolo e alle serie minori del calcio professionistico, nelle altre realtà europee in cui opera, Eleven Sports detiene i diritti esclusivi su Liga, Bundesliga, Serie A, NFL, NBA e Formula 1.

Una delle novità più importanti introdotte con questa stagione sportiva, e che apre interessanti scenari di sviluppo per il prossimo futuro, arriva da NBA League Pass, il canale a pagamento che trasmette tutte le partite della lega professionistica di basket americano. I vertici di Turner Broadcasting System, azienda che gestisce il servizio per conto della Lega americana, hanno deciso qualche mese fa di dare la possibilità agli appassionati di acquistare la visione del solo ultimo quarto di ogni gara.
Quella che potrebbe sembrare un’offerta bizzarra per molti versi non lo è e prende spunto dalle abitudini di consumo dei Millenials. Tra questi è aumentato il numero dei tifosi occasionali che vogliono vedere solo le fasi decisive di un match e non hanno tempo o voglia di stare oltre due ore davanti allo schermo. Appassionati e generazioni più giovani non sono gli unici target di riferimento dell’iniziativa: la nuova offerta si rivolge anche agli scommettitori live a cui interessa soltanto il risultato finale e non l’andamento e i capovolgimenti di fronte dell’intera gara. Un nuovo modo di vivere lo sport in maniera mirata e “veloce” che potrebbe rappresentare la prossima frontiera dello streaming live.