DBRS, indagine sulle banche italiane: Basi solide contro i rischi del mercato

62

Le maggiori banche italiane (Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bpm, Bper e Mps) registrano un utile netto aggregato di 4,8 miliardi di euro nel secondo trimestre 2022. In crescita del 62 per cento su base annua. Per il primo semestre dell’anno, l’utile netto aggregato aumenta del 7 per cento su base annua. E’ quanto risulta da un report di DBRS Morningstar. I ricavi del semestre beneficiano della crescita dei ricavi core e dell’attività di trading, supportati da maggiori flussi di business abbinati a tassi di interesse più elevati. I costi operativi diminuiscono del 2,3 per cento nonostante l’inflazione più elevata, riflettendo i benefici del recente taglio delle uscite. “Le banche italiane sono riuscite a mantenere adeguate riserve di capitale nell’attuale difficile contesto operativo, guidate da una buona generazione organica di capitale e da un considerevole de-risking”, è il giudizio di DBRS Morningstar.