De Luca: Acquisto del vaccino Sputnik, potremmo concludere entro il mese. Esperimento al servizio dell’Italia

49
in foto Vincenzo De Luca durante la diretta Facebook

Il contratto per l’acquisizione da parte della Campania del vaccino Sputnik diventerà “operativo dopo l’approvazione da parte dell’Ema e dell’Aifa”. lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto appuntamento del venerdì sui social auspicando però “che la risposta arrivi al più presto, entro un mese”. “Riteniamo che questo contratto possa aprire una strada – ha detto ancora De Luca – per l’Italia. Se le cose andranno bene può essere un esperimento al servizio del Paese”. Per l’acquisto dei vaccini Sputnik verranno investite risorse della Regione ma una volta, ha spiegato, “coperte le esigenze dei nostri concittadini metteremo a disposizione dell’intero Paese la quantità dei vaccini che dovessimo ricevere dalla casa produttrice”. De Luca ha dunque spiegato che la Campania “intende muoversi in un contesto di solidarietà nazionale, di aiuto reciproco anche se l’investimento lo facciamo noi”. La procedura che ha portato alla sottoscrizione del contratto è stata seguita dal direttore generale facente funzioni della Soresa, la società regionale per Sanità, il segretario generale della Giunta regionale, Mauro Ferrara. De Luca ha anche ricordato che l’impiego dello Sputnik è stato autorizzato nella Repubblica di San Marino ed in alti 60 paesi del mondo ed ha “una copertura del 92 per cento ed è stato valutato positivamente da una rivista scientifica più autorevole al mondo”. “Ora però dobbiamo tempi di verifica e di decisione – ha concluso – coerenti con l’eccezionalità di questa situazione e non con l’ordinaria amministrazione. Se chiudiamo questa partita nell’arco di un mese avremo la possibilità di contare su una quantità di vaccini importante in una condizione di sicurezza. Quindi sollecitiamo il Governo e l’Aifa a muoversi perché sono tempi di guerra e non di ordinaria amministrazione”.