De Luca tra le rarità dell’Emeroteca

27
foto di Massimo Pica

Giornali europei dal 1600 al 1900 mancanti a tutte le biblioteche italiane, tra i quali anche quelli di Marat e Robespierre, sono stati mostrati al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha visitato l’Emeroteca Tucci insieme con i vertici dello Scabec Antonio Bottiglieri e Teresa Armato. Nel corso della visita il presidente De Luca ha ammirato anche i libri esclusivi o rari acquistati tra il 1996 e il 2001 con i fondi della Legge regionale 12/96, legge tuttora vigente di sostegno alla “Tucci”, tra i quali alcuni incunaboli, la prima edizione italiana del “De Architectura” di Vitruvio del 1521 con 117 xilografie ricavate da disegni di Leonardo regalati poco prima della morte al curatore Cesare Cesariano, allievo del Bramante, “Li Cinque Ordini” del Vignola nell’edizione veneziana del Mozo Scolari del 1648 (unica copia al mondo), l’album originale delle riprese fotografiche eseguite con apparecchio da ricognizione nella prima guerra mondiale sui porti austriaci dell’Adriatico dal Capitano Natale Palli, l’eroico pilota che poi condusse D’Annunzio a lanciare volantini dal cielo su Vienna, il documento originale della condanna a morte del sindaco di Parigi Bailly , il volume esclusivo dei “Tableaux Chronologiques dell’Histoire Ancienne pour l’instruction de mon fils” scritti a mano dal grande giurista Jacques Thouret, inventore dei 95 dipartimenti, e stampati dal figlio nel 1825 in ricordo del padre ghigliottinato nel 1794 perchè sospettato da essere legato a Danton. I dirigenti della “Tucci” hanno illustrato al presidente della Regione il loro progetto di trasformare la struttura di piazza Matteotti in una fondazione.