De Luca sull’immigrazione: Bloccare i flussi, minori unica eccezione

48

“I problemi hanno una loro durezza, che e’ difficile superare con le parole. Era prevedibile che un’ondata con decine di migliaia di migranti sarebbe stata insostenibile per il nostro Paese. E’ arrivato il momento di prendere decisioni drastiche, anche il blocco dei porti”. A dirlo, nel consueto appuntamento settimanale su Lira Tv, e’ il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sul problema migranti. “Il problema si risolve con centri di accoglienza nei Paesi del Nord Africa sotto l’egida dell’Onu – dice De Luca -, anziche’ avere mille centro sparsi. Bisogna averli dignitosi nella fascia nordafricana, a cominciare dalla Libia. Con Egitto e Tunisia e’ possibile avere un dialogo ma bisogna intervenire sulla Libia. Poi bisogna fare un lavoro all’interno dei Paesi eliminando i conflitti militari e creando condizioni di sviluppo. Nel frattempo l’unica soluzione sono i centri di accoglienza in loco”. Per De Luca “il flusso migratorio e’ un fenomeno che ci accompagnera’ nei prossimi decenni e non si risolve con la demagogia. Se dobbiamo bloccare anche militarmente i flussi va fatto per costringere Onu ed Europa a prendere decisioni. Il discorso e’ drammatico perche’ parliamo di essere umani. Possiamo fare una sola eccezione per i bambini soli e abbandonati che arrivano in Italia. Questa fascia va tutelata comunque obbligando tutti i Paesi d’Europa ad accogliere una parte dei minori”.