De Magistris: Movida, legittima la nostra ordinanza. De Luca mette in pericolo la salute dei campani

59
in foto Luigi de Magistris

“La nostra ordinanza non è stata né annullata né sospesa, resta l’apertura di luoghi come il bosco di Capodimonte e la Floridiana. È un’ordinanza legittima, è prevalso il capriccio di una persona (il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, ndr) che ritiene di dover intervenire sulla regolamentazione della mobilità pedonale, economia e commerciale e che nulla ha che fare con la sanità”. Lo dice il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, commentando il decreto del Tar che ha accolto il ricorso della Regione contro l’ordinanza del Comune sulla movida. “Il provvedimento – aggiunge de Magistris – non pregiudica il merito, di cui si discuterà nei prossimi giorni, e siamo convinti che dal punto di vista giuridico abbiamo le ragioni dalla nostra parte. Il decreto dice una cosa anche comprensibile: che di fronte a orari contrastanti si è ritenuto far prevalere l’ordinanza regionale, perché viene giustificata come una ordinanza di natura sanitaria. È questo il punto grave e che ho sottolineato al presidente del Consiglio: la regolamentazione dei mercati e delle attività economiche è materia di pertinenza dei sindaci”. Per l’ex Pm con l’ordinanza regionale, che in virtù del decreto del Tar è valida anche a Napoli, De Luca “mette in pericolo la salute dei napoletani e dei campani, perché, restringendo orari e spazi, spinge persone a concentrarsi. Se dopo le 22 non puoi portare la birra fuori da un locale, tutte le persone entreranno nel locale”. Il sindaco chiede quindi nuovamente al governo di intervenire contro “un abuso di posizione dominante di un presidente di Regione che, invece di dare conto del disastro che sta venendo fuori sulla sanità napoletana e campana, si diverte a incidere sulla vita delle persone”. A De Luca, de Magistris chiede di “smetterla con questi atteggiamenti che rischiano di distruggere i territori e la salute dei concittadini: questo non possiamo consentirtelo”.