Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue

15

“L’Italia ha il record negativo in Europa per il maggiore debito commerciale della pubblica amministrazione verso le imprese fornitrici di beni e servizi, pari a 3 punti di Pil, vale a dire il doppio rispetto alla media Ue dell’1,4% del Pil. E nonostante si siano accorciati a 58 giorni i tempi medi di pagamento degli Enti pubblici, in molte aree del Paese rimangono ritardi allarmanti superiori a 100 giorni”. E’ quanto emerge da un’indagine di Confartigianato sui pagamenti nel 2016 di 6.547 amministrazioni pubbliche per una somma di 115,4 miliardi riferiti a 23,7 milioni di fatture emesse dai fornitori. In generale, il 61,9% degli enti pubblici non rispetta i termini fissati dalla legge nel 2013. A farsi attendere oltre i 30 giorni è il 64,8% dei Comuni e il 54,5% degli altri Enti pubblici. I maggiori ritardi in Molise, dove la Pa paga in 107 giorni, Calabria (98 giorni), Campania (83). La più virtuosa è la Provincia autonoma di Bolzano (36), seguita da Val d’Aosta (41) e F.V.Giulia(39).