Decadrà dalla carica di senatore, rischio domiciliari per Luigi Cesaro

365
in foto Luigi Cesaro

“Appena decadrà dalla carica di senatore potrebbe andare agli arresti domiciliari Luigi Cesaro per il quale l’autorità giudiziaria aveva disposto la misura cautelare nell’ambito dell’inchiesta della Dda e del Ros su un presunto patto politico-mafioso a Sant’Antimo (Napoli) tra la famiglia Cesaro e il clan Puca, ma il Parlamento aveva negato l’autorizzazione a procedere”. Lo riferisce l’Ansa. “L’ordinanza per concorso esterno in associazione mafiosa, infatti, dovrebbe diventare operativa per il senatore che ha spontaneamente rinunciato a ricandidarsi. Cesaro finì sotto inchiesta nel giugno 2020 insieme con il fratello Antimo Cesaro, per il quale venne disposto il carcere mentre furono disposti i domiciliari per Aniello e Raffaele Cesaro, tutti sotto processo davanti al giudice di Napoli Nord. Nel dicembre del 2021 la Giunta per le immunità ha negato (con 12 voti a sfavore e 7 astenuti) l’autorizzazione a procedere per gli arresti domiciliari del senatore Cesaro”, prosegue il take di agenzia.