Dedicato a Gianbattista Basile e al suo Cunto de li Cunti il festival della fiaba di Campodimele

74

di Bianca Desideri

Si ripete ormai da 12 anni la rassegna “Un paese incantato, festival delle fiabe” che vede protagonista fino a domani 25 maggio il comune di Campodimele.
Il ricco calendario dell’iniziativa, organizzata dall’Associazione di promozione sociale Agenzia Arcipelago presieduta da Angela La Torre, dall’Ipers (Istituto di psicologia e ricerche socio sanitarie) e dal Comune di Campodimele, propone numerosi interventi e “Tante fiabe per battere il Covid-19”.
Il festival è dedicato a Basile e al suo “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille”, una raccolta di 50 fiabe in lingua napoletana scritte da Giambattista Basile, edite fra il 1634 e il 1636 a Napoli. L’opera, nota anche con il titolo di Pentamerone, è costituita da 50 fiabe, raccontate da 10 novellatrici in 5 giorni.
E da Napoli e dal libro “Lo cunto de li cunti” di Gianbattista Basile partono le fiabe anticovid-19 a cura dello psicologo e ricercatore campano Giuseppe Errico, direttore del festival.
Il borgo medioevale di Campodimele in provincia di Latina si trasforma così “nuovamente in un in un luogo magico – evidenziano gli organizzatori – anche grazie ai social e molti artisti campani (Ottavio Costa, Bruno Leone, Roberto Vernetti, Irene Vecchia) e provenienti da varie località”.
“Il festival – proseguono – come di consueto, riesce a ricreare all’interno di un ambiente naturale uno spazio narrativo e di gioco attraverso un ricco programma di storie, animazioni, racconti e laboratori, rivolgendosi non solo ai bambini ma anche agli adulti”.
L’iniziativa è stata fortemente voluta dal sindaco Roberto Zannella e sostenuto dall’assessorato alla Cultura guidato da Tommaso Grossi.
“Le performance sulla fiaba costituiscono un’occasione del tutto particolare d’incontro, di gioia individuale e collettiva – sostiene il sindaco Zannella – ‘Un paese incantato’ è un evento unico e suggestivo, nato dall’incontro tra psicologia, antropologia, arte e tradizioni popolari, allo scopo di ricreare incantesimi nel quotidiano e magie positive per le future generazioni”.
“Grazie al festival della fiaba – continua il direttore Giuseppe Errico – continueremo a creare piccole occasioni di gioia per i piccoli. Le fiabe sono le più antiche memorie dei cuori umani (mondo delle emozioni), ed aiutano le bambine e i bambini a crescere in bellezza, ricordano a tutti noi la parte più vera della vita, fatta di gentilezza, solidarietà, spontaneità, armonia e creatività”.
L’evento, gratuito per i bambini, genitori e operatori, si terrà quest’anno, a causa della pandemia, a distanza tramite Facebook (https://www.facebook.com/Festival-Della-Fiaba-Un-Paese-Incantato-105664205042261), dove sarà possibile vedere le belle e principali piazze storiche della città e i suoi piccoli vicoli.
“Il festival, che vedrà in qualità di coordinatori Domenico Lorello e Angela La Torre, si tiene grazie alla collaborazione di psicologi, studiosi, burattinai, cantastorie, artisti provenienti da Canada, Argentina, Spagna, Portogallo e Italia e si articolerà attorno al tema universale della fiaba popolare, della creatività infantile e della fantasia” concludono gli organizzatori dell’iniziativa.
Il nutrito calendario di ospiti internazionali ed eventi narrativi vede la presenza di: Paola Carruba (psicologa e dirigente Rai), Francesco Azzari (coreografo e ballerino), Aldo D’Angiò (musicista), Piero Ristagno (regista e poeta),Violante Saramago Matos (scrittice), Luisa Antunes Paolinelli (docente universitaria e scrittrice), Ottavio Costa (regista e scrittore), Bruno Leone (artista e burattinaio), Francesco Guerrini (illustratore), Pio Francesco Ponsiglione (illustratore), Franco Viola (scultore), Holger Sprengel (artista), Alessandro Mascia (regista e attore), Soleyman Pierini (artista), Mariarosaria D’Acierno (pittrice e scrittrice), Maria Trinidad (scultrice), Malena Verdoya (psicologia e poetessa), Alessandro Rivola (narratore), Alessia Canducci (artista) e Irene Vecchia (artista).
A conclusione della 12ma edizione è prevista la premiazione La fiaba magica (XII edizione) al maestro scultore Franco Viola di Formia.