Dema, sì del Tribunale al piano salvataggio. Resta in bilico l’Agenzia delle Entrate

98

 

Il piano di salvataggio di Dema, azienda campana del settore aeronautico con stabilimenti a Somma Vesuviana (Napoli) e Brindisi e 800 dipendenti in organico, supera un passaggio cruciale. Il Tribunale di Nola ha terminato da poco l’esame dell’istruttoria sulla ristrutturazione del debito e ha dato il proprio parere positivo all’operazione. All’appello manca solo il nulla osta dell’Agenzia delle Entrate, che per la transazione chiede 7,2 milioni di euro contro i 6,2 offerti dall’acquirente di Dema (il fondo Bybrook Capital). Parere positivo, invece, da parte dell’Inps che ha già consegnato al Tribunale la delibera di approvazione di un piano di ammortamento quinquennale con rata crescente. La vicenda è seguita passo passo dalla Fim Cisl Campania tramite il proprio dirigente Francesco Griffo che, al termine dell’udienza di oggi, manifesta ottimismo. “Siamo sulla buona strada – dice – anche perché l’Agenzia delle Entrate ha mostrato grande disponibilità verso le istanze di Dema”. I rappresentanti del Fisco, però, hanno chiesto ai giudici qualche giorno in più di tempo per le delibere di approvazione del piano e la definitiva intesa con l’azienda che fa ancora capo all’imprenditore Vincenzo Starace. Bybrook Capital ha pronto un assegno da 40 milioni di euro da consegnare a Dema appena il piano sarà approvato da tutti gli attori in campo e questa operazione di finanza ponte è determinante per consentire all’azienda di proseguire l’attività. Dema, infatti, ha in pancia commesse di Leonardo, Bombardier e altri grandi compagnie aeronautiche per cui superata la fase critica è pronta a rilanciare le proprie ambizioni. La Fim Cisl, dal canto suo, resta al fianco dei lavoratori e della società per accompagnarli nella difficile opera di chiusura della questione debitoria. Ci sarà poi da trovare l’accordo con Bybrook Capital sul pagamento del passivo (gli inglesi hanno mostrato qualche segnale di insofferenza, nda) però dal sindacato si dicono fiduciosi. “Una soluzione si troverà, anche perché lo scoglio più arduo è stato superato”.